sabato 15 luglio 2006

Tour des Grand Combins

Val Pelline - Val d'Enremont

Nel mese di Giugno Nello ci invita a partecipare all'impresa ciclistica che ha in programma insieme al suo gruppo i “Già fatto Team”; io e Roby non possiamo assolutamente farci scappare l'occasione di pedalare negli splendidi scenari di Val d'Aosta e Svizzera, l'anello in bici del massiccio del Gran Combin (4314 m), uno dei più prestigiosi “4000” delle nostre alpi sarà la nostra meta del mese di luglio....
Grand Combin dalla Cabane de Mille: un tramonto che vale il viaggio!


Day 1: 15 Luglio 2006

Di prima mattina siamo in viaggio verso Etroubles paese sopra Aosta da dove parte il nostro Tour des Combins (segnavia TDC). Alla partenza siamo in quattordici ed il tempo è ottimo.
Conca di By

Costeggiamo dall'alto la Val Pelline passando per Allein e Doues dove prendiamo per la Val di Ollomont; prima un bell'asfalto poi una spettacolare sterrata attraversa la Conca di By fino ad una malga (Thoules 2378 m) dove la sterrata termina e inizia il sentiero (segnavia TDC) ciclabile solo nel primo tratto; iniziamo quindi a faticare seriamente spingendo su un terreno non facile la bici fino alla Fenetre de Durand (2797 m), cima Coppi del nostro giro e confine italo-svizzero; una lunga sosta con un panorama spettacolare ci ripaga della fatica.
Fenetre de Durand: per oggi è fatta!

E' ormai pomeriggio e il tempo preannuncia il classico temporalone decidiamo quindi di iniziare a scendere. La discesa è di quelle da ricordare, da una parte per la bellezza dell'ambiente dall'altra per il percorso che risulta tecnico ma mai proibitivo tanto che alla fine non penso di aver mai tolto i piedi dai pedali!!!
Arrivati nel fondovalle e attraversato il ponte sul torrente incrociamo la sterrata che sale dal lago de Mauvoisin e porta alla Cabane de Chanrion (2462 m); un ultimo sforzo, 300 m di dislivello, per pernottare all'accogliente rifugio.

Day 2: 16 Luglio 2006
Il mattino seguente ripercorriamo in discesa l'ultimo tratto e proseguiamo per il lago artificiale de Mauvoisin (1975 m).
Il Lac de Mauvoisin e la spettacolare cascata

La strada che costeggia il lago è una sterrata larga carrozzabile, caratteristica per una serie di gallerie scavate nella roccia di cui l'ultima lunghissima con tornanti e finestroni panoramici.
Si arriva alla diga dove si ha una bella visuale sulla valle sottostante. Scendiamo quindi su asfalto fino a Fionnay (1490 m) dove inizia la salita su larga sterrata verso la Cabane Brunet.
Ormai in vista della Cabane Brunet abbandoniamo la sterrata per una traccia di sentiero direzione Col de Mille.
Il sentiero inizialmente inciclabile diventa un tecnico mezzacosta pedalabile per lunghi tratti fino a quando la pendenza non diventa proibitiva e non si può fare altro che caricarsi la bici sulle spalle o spingerla non senza difficoltà.
Ultime luci sul Bianco...

Riusciamo a pedalare le ultime centinaia di metri che ci separano dal Col de Mille (2473 m) e con grande soddisfazione svalichiamo e veniamo premiati con una vista stupenda sia sul Gran Combin che su tutto il gruppo del Bianco con in primo piano il Dolent e più in dietro le Grandes Jorasses.Il rifugio, Cabane de Mille, è a poche centinaia di metri dal colle un meritato riposo e un tramonto da favola ci attende.

Day 3: 17 Luglio 2006
Il mattino dopo si inizia con una discesa su un single track da favola a tratti esposto che dai 2473 m del colle ci porta ai 1650 m del paese di Bourg St.Pierre in Val d'Enremont.
Traverso spettacolo!!

Da qui saliamo e costeggiamo su sterrata il Lac de Toules fino a ricongiungersi con la strada asfaltata che porta al Colle del Gran San Bernardo (2469 m). Attraversiamo la frontiera e ormai un po' stanchi ci buttiamo giù per il velocissimo asfalto che dal colle ci permette di chiudere l'anello a Etroubles (1299 m).
Che dire!!! E' stato veramente un bel giro, un consiglio...... andare a farlo!!!!!!

Pedalata con vista Bianco
Dati del giro:

Anello Etroubles - Val di Ollomont- Conca di By - Fenetre de Durand - Cabane de Chanrion - lago de Mauvoisin - Fionnay - Col de Mille - Bourg St.Pierre - Colle del Gran San Bernardo - Etroubles

Presenze: Bobo, Roberto, Nello e i "Già fatto team"

Quota di partenza: 1299 m (Etroubles)

Quota Max: 2797 m (Fenetre de Durand)

Dislivello totale: 4750 m

1° giorno: disl.salita 2200 m; disl.discesa 1000 m; Km 46.
2° giorno: disl.salita 1450 m; disl.discesa 1500 m; Km 41.
3° giorno: disl.salita 1100 m; disl.discesa 2250 m; Km 49.

Ciclabilità salita: 85%

Ciclabilità discesa: 99%

Difficoltà: OC/OC

Sviluppo: 136 Km
Bo

5 commenti:

catfil2 ha detto...

Appena tornato da questo meraviglioso tour. Ho riscontrato solo 2 pecche:
Indicazioni a volte assenti, ad esempio all'attaco del sentiero che porta al col du mille dalla strada della cabane Brunette, bivio alla fine del sentiero che scende dal Col du Mille in cui a dx si va a Liddes e a sx a Bg. St.Pierre, lungo tutta la mulattiera che da doues porta a fenetre durand, ad una malga verso Bg.St.Pierre vi è attaccata ad un muro di essa un'indicazione che se la seguite vi ritroverete in mezzo ad un prato con un crepaccio davanti, le indicazioni giuste sono DIETRO la malga In tutto il tour abbiamo sbagliato strada circa 6 volte....
Seconda pecca, vi è molto... ma molto da spingere la bicicletta in salita.
Paesaggisticamente cmq. rimarrà un ricordo meraviglioso per parecchio tempo, consiglio a tutti di provarlo prima o poi.
P.S.
La cucina del hotel Napoleon chiude alle 20.30. :(

ruttok ha detto...

Ciao quest'anno farò con amici il giro proprio come avete fatto voi, solo una domanda se da cabane chanrion decidessimo di proseguire fino al col de Tsofeiret per poi scendere al lago Mauvoisin dalla parte opposta secondo voi va bene?
Ho visto su un sito francese che qualcuno l'ha fatto http://www.vttour.fr/topos/mont-avril,1234.html

Grazie e complimenti per i giri e i bei report.

Fabio (ruttok)

Bobo ha detto...

In effetti avevamo già addocchiato anche noi la descrizione che ci hai postato da Vttour ... la prima tappa se ci aggiungi l'Avril diventa veramente tosta ma arrivare lassù non ha prezzo!
Non abbiamo idea di come sia il col de Tsofeiret ma i posti meritano senz'altro e la tappa diventa molto più interessante. Ovviamente il portage è garantito!

Ruttok ha detto...

La tappa al colle di Tsofeiret ne vale veramente la pena, non bisogna soffrire di vertigini in quanto c'è da passare in tratti esposti, ma una volta in cima è uno spettacolo.
Gran giro
Ciao

Piero Colombo ha detto...

Luglio 2015.
Itinerario sublime, il col di Tsofeiret va fatto per il panorama e per la discesa!
Visto che avevamo solo due giorni abbiamo allungato facendo anche l'Avril: mentre salivamo (+550m di portage dalla fenetre de durand) sembrava una cagata perché troppo ripido ed il fondo smosso... invece in discesa si fa tutto in sella! Fantastico
Da migliorare il secondo giorno con la discesa dal col du Mille dove secondo me si può prendere un singletrack più divertente.

http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/14539

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...