domenica 29 maggio 2005

Anello del Monte Penna e delle Agoraie

Appennino Ligure

Uno dei giri più imperdibili del Levante ligure proposto e condito con alcune delle sue migliori varianti.
... sentieri del Levante Ligure ...

Accesso: Dal casello A12 di Lavagna, direzione Carasco, Borzonasca, a destra per Prato Sopralacroce (23km), piccolo parcheggio sotto il cimitero.

Vedi cartina 1:50000 dell'itinerario. In rosa il giro principale, in blu le varianti.

Attraversato il paesino di Sopralacroce, si prosegue brevemente in discesa e subito dopo le ultime case si prende la strada a sinistra nel bosco. L'asfalto cede presto il passo a una bella sterrata che senza possibilità di errori, con pendenza mai oltre il 10%, supera piccole borgate, esce sulle ampie praterie con immenso panorama sul mare e giunge a un bivio segnalato (m 1289, km 8) dove si prende a destra. Aumentano seppur di poco i sassi e la pendenza, su un curvone sosta d'obbligo alla Pietra Borghese, nero masso peridotitico relitto dell'antico fondo oceanico, e siamo al Rifugio Monte Aiona (m 1503, km 11), spesso custodito.
La Pria Burgheisa

Pochi metri prima del rifugio una strada forestale, risistemata a metà 2007, raggiunge rapidamente in 700m il Passo della Spingarda riconoscibile per il masso con mille segnavia. Ci si infila nella bella faggeta a destra seguendo l'Alta Via dei Monti Liguri (striscia bianca e rossa, pallini blu) e con un po' di spinta per prati ingombri di rocce impedalabili si guadagna la cima Coppi del giro, Passo del Cantomoro m 1622.
L'Alta Via, ora in territorio emiliano, piomba nel bosco con una divertente discesa dove è facile per l'entusiasmo perdere i segnavia: fermarsi allo spiazzo del Passo dell'Incisa (m 1466, km 14.5). Salvo un paio di scogli è la discesa più tecnica e remunerativa del giro.
A destra uno sterratone in piano permette di compiere il periplo del Monte Penna: si perde un po' di quota con due tornanti, si scavalca il Taro che qui è un ruscello neonato, si oltrepassa un'ottima sorgente e, tenendo sempre la sinistra a tutti i bivi, galoppando su velocissime strade forestali si torna in Liguria al Passo del Chiodo (m 1457, km 24.8) con una inevitabile salita su asfalto.
Relax sull'Alta Via dei Monti Liguri

Dal passo si scende verso sinistra e appena oltre il km 10 della provinciale si torna nel bosco a sinistra, si risale sotto gli abeti un tornantone e si trova a destra una strada sbarrata al traffico ma non ai bikers (m 1432, km 27.1).
Comincia la parte più spettacolare del giro, il versante Nord del Monte Aiona. La grande pista forestale conduce al ponticello in pietra con vista sulla Val d'Aveto, lascia a sinistra la salita per il passo della Spingarda e prosegue su ciottolato fino a uno spiazzo dove sembra morire (m 1480, km 32.1). Un sentierino a sinistra, da subito ciclabile, è invece l'inizio di un fantastico single track in quota (segnavia A3 rosso), che dopo poco attraversa un'enorme frana (passaggio esposto ma quasi tutto in sella) e torna nel bosco attraversando con dolcissimi saliscendi una serie di valloncelli nella faggeta più fitta.
 Lo spettacolare traverso sotto l'Aiona

In corrispondenza di una piccola area di sosta con panchina si seguono con attenzione a sinistra i segnavia A2 e PNX, cercando di evitare il labirinto di deviazioni e rimanendo sempre in quota. Si superano due ponticelli di legno e si percorrono pochi metri di Alta Via, giungendo nei pressi di una tettoia con tabellone dove termina il sentiero (m 1380, km 34.7).
Si scende ora su una larghissima pista e, in corrispondenza di una casetta di legno al bordo di una recinzione (riserva integrale dei Laghi delle Agoraie), si imbocca a sinistra lo stradone forestale che passa accanto a una colata di basalti a cuscini e all'acquitrino del Lagastro. Una piccola risalita e ci si raccorda ancora all'Alta Via fino alla Cappelletta delle Lame con annesso rifugio (m 1306, km 38).
Quasi al termine delle fatiche si prosegue a destra (sbarra), salendo sempre con fondo ottimo fino a riguadagnare il versante marino e sbucare (m 1330, km 41.5) su uno sterrato che si segue a destra: ci aspettano 10km di discesa continua nella prateria che, passando accanto al lago di Giacopiane e al M. Agugiaia, alla fine ci porta all'asfalto, alla borgata di Perlezzi e a Sopralacroce dove si conclude l'anello (km 52).Vista mare...

Varianti, tagli e peggioramenti:

1 (giro del Lago) - dalla Cappelletta delle Lame, invece di svoltare a sinistra, si mantiene la stessa direzione lasciandosi la cappelletta a sinistra. Inizia subito un single track segnalato con labili tracce rosse, inizialmente su dolci declivi tra radi pini, che dopo l'attraversamento di un corso d'acqua prende a scendere più ripido e poi al limite della tenuta su fondo via via più dissesato fino alla selletta del M. Gasparella (m 1132). Si aggira il monte sulla destra per una malagevole traccia orizzontale, spesso invasa dai rovi, fino a sbucare su una spianata a poca distanza dal Lago di Giacopiane. Si costeggia il lago (m 1065, km 3) verso sinistra sul comodo sterrato e poco prima della diga si prende a sinistra un ottimo sentiero (segnavia: rombo rosso pieno) che per un breve tratto segue l'acquedotto, poi attraversa un rio e sale ripido e dissestato fino a raggiungere la sterrata che scende a Perlezzi (m 1119, km 6 circa).

2 (giro delle Lame) - percorribile solo nel verso indicato, questo anello supplementare (km 7.5, dislivello 300m in salita) consente di ammirare alcune delle zone più belle del parco e richiede almeno un'ora. Dalla panchina nella foresta (m1425) si segue il segnavia (due tratti gialli) con impegnativa discesa tecnica, interrotta da brevi falsopiani, fino a incrociare la sterrata che sale da Amborzasco nei pressi del Lago delle Lame (m 1060). Si prende la sterrata in salita che senza difficoltà, passando accanto al celebre Lago degli Abeti (visitabile solo con permesso speciale), porta al bivio presso la recinzione dei Laghi delleAgoraie (m 1361)

3 (La Nave del Penna) - Dal Passo del Chiodo una mulattiera (sbarra) sale con breve piacevole percorso, tutto ciclabile, nella faggeta fino alla Nave, grande fossa tettonica a cielo aperto alla base del Monte Penna. L'ambiente unico merita ampiamente la deviazione (km 1.2) che si può ripercorrere all'indietro o, volendo, chiudere con un'impegnativa risalita. Al termine della Nave la mulattiera diventa sentiero e sale ripidamente nel bosco (segnavia: triangolo giallo) per poi scollinare in direzione della casa forestale (segnavia: tre bolli gialli). Molto ripida all'inizio, la discesa nella parte finale è un freeride senza percorso obbligato che alla fine riporta sulla strada asfaltata nei pressi del km 10 (km 2.5 circa tutta la traversata).
La spettacolare fossa tetonica della Nave

4 (taglio della Spingarda) - utile per creare anelli di minore sviluppo, questa variante (km 2, dislivello m 170) parte dal Passo della Spingarda ed è la continuazione della ex-strada che sale dal Rif. Monte Aiona. Il percorso, a tratti dissestato, non presenta difficoltà e si conclude con un tornante poco a W del ponticello panoramico. E' percorribile anche in salita come via di fuga anche se alcuni tratti sfiorano il 20% di pendenza.

5 (raccordo di Perlezzi) - Breve collegamento (km 3) con ottimo fondo tra le due strade che salgono da Prato Sopralacroce, percorribile senza difficoltà nei due versi con minimi dislivelli

6 (taglio del Penna) - Dal Passo dell'Incisa si può tagliare tutto il giro del Penna scendendo a sinistra e raggiungendo in soli 400m il bivio sbarrato della forestale del Monte Aiona.
Foto di Gruppo

Dati del giro:

Anello Prato Sopralacroce - Rifugio Monte Aiona - Passo del Cantomoro - Passo dell'Incisa - Passo del Chiodo - Cappelletta delle Lame - Lago di Giacopiane - Perlezzi - Prato Sopralacroce

Presenze: Mirko, Bobo, Daniela, Marco, Grazia, Gigi, Alberto, Gianluigi, Roberto e Ilaria

Quota di partenza: 540 m (Prato Sopralacroce)

Quota Max: 1622 m (Passo del Cantomoro)

Disl.: 1600 m

Ciclabilità salita: 98%

Ciclabilità discesa: 98%

Difficoltà: BC/BC

Sviluppo: 52 km
woof

1 commento:

leo ha detto...

ciao,come posso fare per scaricare la traccia gps,devo loggarmi.grazie

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...