domenica 12 maggio 2019

Arpette (1611 m) & Vallon de Zouayné

Val Roya

Sulla sinistra idrografica della val Roya nella zona compresa tra Airole e Breil abbiamo la mitica discesa Testa d'Alpe / Roche Fourquin / Roche du Tron / Libre scoperta un decennio fa che ci era piaciuta un sacco! ... proseguendo il crinale Roya/Nervia in direzione nord si arriva in vetta all'Arpette dove secondo le carte dovrebbe esistere una traccia che verticalizza su Breil attraversando il selvaggio vallon de Zouayné. In Roya difficilmente ci è capitato di imbatterci in sentieri "brutti", quindi non resta che andare a verificare se la Valle rispetterà la sua infallibilità!
Bobo
... Pointe dell'Arpette per il vallon de Zouayné ...

domenica 28 aprile 2019

Anello del Pizzo d’Evigno (989 m)

Golfo Dianese

Questa spettacolare gita è una di quelle che non possono mancare nel curriculum di un biker, poiché rappresenta un giro ad anello con un mix di svariate e stuzzicanti sfaccettature: dal freeride ai passaggi tecnici su roccia, dai single track più flow ai percorsi enduro ... il tutto condito da un impagabile panorama che offre l’ondulata cresta di spartiacque tra le valli di Diano e Stellanello.
Flavio & Chiaretta
... Salto nel Blu, Golfo Dianese ...

lunedì 1 aprile 2019

Rocca Radevil (1957 m) Monte Grum (2367 m) & sentiero P9

Valle Stura di Demonte

Una gran bella avventura da quasi 2000 metri di dislivello lungo la parte bassa della Curnis Auta, crinale Stura/Grana, ci porta ad esplorare e ridiscendere in sella alle nostre bici tre bellissime montagne che ancora non conoscevamo: Rocca Radevil (1957 m), Monte Prapian (2205 m) & Monte Grum (2367 m) ... per chiudere l'anello in maniera perfetta seguiamo le tracce del "sentiero P9" che dai pianori della Magnana catapulta su Trinità di Demonte con un percorso che è un tornante unico; una vera chicca che in breve tempo, siamo certi, acquisterà la fama che merita tra gli appassionati delle due ruote ...
Bobo
... Monte Grum (2367 m) ...

lunedì 25 marzo 2019

Monte Chialmo (2020m) - Punta del Mezzogiorno (2004m) - Monte Cauri (1979 m)

Val Grana

La stagione poco nevosa e la nostra ferratissima “super local” ci portano alla scoperta di alcune perle nascoste della media/bassa val Grana che fino ad oggi avevamo colpevolmente trascurato.
Riassumendo potremmo raccontarla in questa maniera: salite spacca cuori super pedalabili, la giusta dose di portage su sentieri storici, facili creste iperpanoramiche, un po’ di freeride e un gran finale a tornanti di quelli che fatichi a dimenticare!

Bobo 
... val Grana "mon amour" ...

domenica 17 febbraio 2019

Monte Castellermo o Peso Grande (1092 m)

Val Pennavàira / Arròscia

Il Monte Castellèrmo (1092 m) è un'imponente montagna dell'entroterra ingauno (Albenga) posta sullo spartiacque Arròscia/Pennavàira. Il versante Pennavàira  presenta un aspetto decisamente dolomitico, con repulsive pareti stratificate di calcare grigio assai imponenti ... in questo inverno avaro di neve, e quindi con divagazioni scialpinistiche ridotte al minimo, quale terreno migliore per sperimentare nuove tracce che ci facciano assaporare il sapore delle alte vette ...
Simone
... Castellermo, dolomiti in salsa Ligure!

venerdì 18 gennaio 2019

Monte Alpe (1055 m)

Val Pennavaira/Neva

Non nascondiamo un certo scetticismo nel descrivere itinerari cicloalpinistici in una regione come la Liguria dove il facile accesso ai sentieri, le competizioni agonistiche, la dilagante diffusione dei "ciclomotori elettrici" e la moda di addomesticare le tracce, ha fatto si che un'infinità di splendidi percorsi, che ci eravamo prodigati a diffondere, venissero irrimediabilmente snaturati nel giro di pochi anni. 
Una realtà assai complessa, dove forti interessi commerciali, spingono per soddisfare le esigenze di masse di biker poco avvezze alla fatica, ai tecnicismi e al rispetto per l'ambiente, trasformando la rete sentieristica in una sorta di immenso "luna park" o "bike park". Per chi come noi è abituato ai sentieri alpini dove, avventura, esplorazione, ambiente e sentieri tecnici sono alla base di tutto, è diventato difficile trovare itinerari cicloalpinisticamente appaganti nella nostra regione, nonostante paradossalmente la Liguria venga considerata la patria della mountain bike ... l'itinerario che andiamo a descrivere si svolge in un luogo selvaggio con una via di arroccamento difficoltosa, tanta fatica per portare la bici in vetta e discesa assai tecnica! Lo raccontiamo a cuor leggero sicuri che difficilmente potrà far gola ai più ... una perla rara, solo per cicloalpinisti che remano contro corrente!
Bobo
... cicloalpinismo al Monte Alpe ... 

lunedì 24 settembre 2018

Grand Glaiza (3293 m)

Queyras

Ci sono giornate speciali che vien voglia di definire perfette per l'incredibile incastro di situazioni favorevoli. Il cicloparadiso del Queyras, tre compagni affiatati, il meteo di inizio autunno sorprendentemente caldo ... semplici ingredienti che hanno reso indimenticabile la nostra gita sulla Grand Glaiza. Ma il merito più grande va senza dubbio al tanto decantato Queyras, territorio di una bellezza unica e patria del cicloalpinismo “meno rude”, che ogni volta ci regala emozioni intense.
Anche sulla Grand Glaiza infatti abbiamo goduto dei sentieri dal fondo compatto e scorrevole con salite pedalabili fino ad alte quote e discese divertenti e veloci ... il tutto condito da panorami che appagano gli occhi e il cuore. Insomma, il Queyras non delude mai ... "Bentornati in paradiso!

Chiaretta


domenica 23 settembre 2018

Tête de la Cula (3121 m)

Queyras

Due splendidi giorni nella regione del Queyras il “paradiso dei biker”... il primo giorno a causa del lungo trasferimento dobbiamo rinunciare a percorsi dal lungo sviluppo e dislivello: ma in Queyras ci sono gite per tutti i gusti, e noi oggi abbiamo la fortuna di avere come guida il nostro amico Florent, “guru” del portale cartografico VTTrack che ormai da anni fornisce la cartografia a tutti gli itinerari di Cicloalpinismo.com (vedi mappe sulle recensioni)
Bobo
... sul crinale Ubaye / Queyras ...

mercoledì 12 settembre 2018

Mont Avril (3334 m) e Tour du Mont Gelé

Valpelline

Il Mont Avril è uno splendido tremila considerato ormai una classica del cicloalpinismo e spesso viene effettuato in abbinata al Tour del Gran Combin (clicca) che però richiede dai 2 ai 3 giorni per essere portato a termine.
Noi vi proponiamo una versione nuova, realizzabile in giornata, che consente di effettuare il periplo intorno al Mont Gelé, cucendo un tour epico per ambiente, dislivello e difficoltà tecniche da affrontare rigorosamente con tempo buono in modo da godere appieno dei maestosi paesaggi!
Andrea C. 
... Mont Avril (3334 m) ... 

domenica 9 settembre 2018

Giro del Monviso 2.0 (... Orario ...)

Val Varaita

Il giro intorno al Gigante di Pietra, in bici ed in giornata; sicuramente un'avventura che un amante del cicloalpinismo non può negarsi, almeno una volta nella sua “carriera”. La pianificazione dell’itinerario per noi è leggermente più complicata: alcuni hanno già effettuato questa impresa e al fine di "ingaggiare" il gruppo è quindi necessario trovare delle varianti da condire con un po’ di "verve cicloalpinistica". Quindi partenza dalla Val Varaita invece della valle Pò e verso del giro opposto a quello precedentemente descritto (vedi Giro del Monviso ... antiorario); inutile ribadire che si tratta di un giro monumentale sia per fatica e impegno, ma soprattutto per panorami, per l’ambienti selvaggi e per le magnifiche linee di discesa. Importante: da effettuarsi in buona compagnia! 
Marco 
... Giro del Monviso 2.0 ...

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...