venerdì 25 gennaio 2019

Monte Tenibres (3031m)

Valle Stura di Demonte

A distanza di qualche mese vi raccontiamo alcune grandi avventure dell’estate passata, caratterizzata dal desiderio di portare la bici sulle cime più alte. Questa volta abbiamo scelto il Monte Tenibres, che con i suoi 3031 metri, vanta il primato in altezza della Valle Stura. Per chi conosce il territorio in questione potrebbe sembrare un tantino azzardato, ma in realtà a parte gli ultimi metri prima della vetta e la quasi arrampicata sulla placconata sotto il passo del Tenibres, il vallone del Piz ben si presta a essere “ rotolato”. Il tratto sotto il lago Mongioia poi è una goduria unica… provare per credere!!!
Chiaretta
... Tenibres 3031 m ...

venerdì 18 gennaio 2019

Monte Alpe (1055 m)

Val Pennavaira/Neva

Non nascondiamo un certo scetticismo nel descrivere itinerari cicloalpinistici in una regione come la Liguria dove il facile accesso ai sentieri, le competizioni agonistiche, la dilagante diffusione dei "ciclomotori elettrici" e la moda di addomesticare le tracce, ha fatto si che un'infinità di splendidi percorsi, che ci eravamo prodigati a diffondere, venissero irrimediabilmente snaturati nel giro di pochi anni. 
Una realtà assai complessa, dove forti interessi commerciali, spingono per soddisfare le esigenze di masse di biker poco avvezze alla fatica, ai tecnicismi e al rispetto per l'ambiente, trasformando la rete sentieristica in una sorta di immenso "luna park" o "bike park". Per chi come noi è abituato ai sentieri alpini dove, avventura, esplorazione, ambiente e sentieri tecnici sono alla base di tutto, è diventato difficile trovare itinerari cicloalpinisticamente appaganti nella nostra regione, nonostante paradossalmente la Liguria venga considerata la patria della mountain bike ... l'itinerario che andiamo a descrivere si svolge in un luogo selvaggio con una via di arroccamento difficoltosa, tanta fatica per portare la bici in vetta e discesa assai tecnica! Lo raccontiamo a cuor leggero sicuri che difficilmente potrà far gola ai più ... una perla rara, solo per cicloalpinisti che remano contro corrente!
Bobo
... cicloalpinismo al Monte Alpe ... 

lunedì 24 settembre 2018

Grand Glaiza (3293 m)

Queyras

Ci sono giornate speciali che vien voglia di definire perfette per l'incredibile incastro di situazioni favorevoli. Il cicloparadiso del Queyras, tre compagni affiatati, il meteo di inizio autunno sorprendentemente caldo ... semplici ingredienti che hanno reso indimenticabile la nostra gita sulla Grand Glaiza. Ma il merito più grande va senza dubbio al tanto decantato Queyras, territorio di una bellezza unica e patria del cicloalpinismo “meno rude”, che ogni volta ci regala emozioni intense.
Anche sulla Grand Glaiza infatti abbiamo goduto dei sentieri dal fondo compatto e scorrevole con salite pedalabili fino ad alte quote e discese divertenti e veloci ... il tutto condito da panorami che appagano gli occhi e il cuore. Insomma, il Queyras non delude mai ... "Bentornati in paradiso!

Chiaretta


domenica 23 settembre 2018

Tête de la Cula (3121 m)

Queyras

Due splendidi giorni nella regione del Queyras il “paradiso dei biker”... il primo giorno a causa del lungo trasferimento dobbiamo rinunciare a percorsi dal lungo sviluppo e dislivello: ma in Queyras ci sono gite per tutti i gusti, e noi oggi abbiamo la fortuna di avere come guida il nostro amico Florent, “guru” del portale cartografico VTTrack che ormai da anni fornisce la cartografia a tutti gli itinerari di Cicloalpinismo.com (vedi mappe sulle recensioni)
Bobo
... sul crinale Ubaye / Queyras ...

mercoledì 12 settembre 2018

Mont Avril (3334 m) e Tour du Mont Gelé

Valpelline

Il Mont Avril è uno splendido tremila considerato ormai una classica del cicloalpinismo e spesso viene effettuato in abbinata al Tour del Gran Combin (clicca) che però richiede dai 2 ai 3 giorni per essere portato a termine.
Noi vi proponiamo una versione nuova, realizzabile in giornata, che consente di effettuare il periplo intorno al Mont Gelé, cucendo un tour epico per ambiente, dislivello e difficoltà tecniche da affrontare rigorosamente con tempo buono in modo da godere appieno dei maestosi paesaggi!
Andrea C. 
... Mont Avril (3334 m) ... 

domenica 9 settembre 2018

Giro del Monviso 2.0 (... Orario ...)

Val Varaita

Il giro intorno al Gigante di Pietra, in bici ed in giornata; sicuramente un'avventura che un amante del cicloalpinismo non può negarsi, almeno una volta nella sua “carriera”. La pianificazione dell’itinerario per noi è leggermente più complicata: alcuni hanno già effettuato questa impresa e al fine di "ingaggiare" il gruppo è quindi necessario trovare delle varianti da condire con un po’ di "verve cicloalpinistica". Quindi partenza dalla Val Varaita invece della valle Pò e verso del giro opposto a quello precedentemente descritto (vedi Giro del Monviso ... antiorario); inutile ribadire che si tratta di un giro monumentale sia per fatica e impegno, ma soprattutto per panorami, per l’ambienti selvaggi e per le magnifiche linee di discesa. Importante: da effettuarsi in buona compagnia! 
Marco 
... Giro del Monviso 2.0 ...

mercoledì 5 settembre 2018

Roisetta (3334 m) & Becca di Trecare' (3032 m)

Val d'Ayas

Prosegue la nostra "campagna cicloalpinistica" alla conquista dei tremila della valle d'Aosta: lo scenario di oggi è quello compreso tra la Val d'Ayas e la Valtournanche al cospetto del Gruppo del Rosa e del Cervino. Nel compiere un anello attorno al mitico Gran Tournalin cadono a colpi di portage due splendidi tremila, il M. Roisetta (3334 m) e la Becca di Trecare' (3046 m) ... un giro epico, ma solo per amanti del genere!
Andrea (Barolo71)

...  ascesa al Roisetta, sullo sfondo il Cervino ... 

venerdì 24 agosto 2018

Cima Ghiliè (2998 m)

Valle Gesso

Cima Ghiliè nelle valli cuneesi è sinonimo di scialpinismo: a maggio/giugno la norma è trovare duecento auto parcheggiate a Pian della Casa e una riga continua di scialpinisti risalire la gorgia di Balma Ghiliè ... non ricordo quante volte ci sono stato "assi" nei piedi, in ogni caso tante, ma portare la bici in vetta a questo quasi "tremila" è sempre stato un mio sogno nel cassetto. La speranza era quella di ritrovare i resti della militare (sentiero N12), che ogni tanto intravedevo tra la neve, chissà se ci usciva una discesa con una buona percentuale di ciclabilità. Un primo tentativo lo scorso anno abortito causa meteo infausto e finalmente si sogna ad occhi aperti! ... Ghiliè, giro del Mercantur e discesa nel vallone di Ciriegia ...
Bobo

lunedì 20 agosto 2018

Taou Blanc (3438 m)


Valsavarenche

Il Taou Blanc è una fantastica e panoramicissima vetta posta nel cuore del parco del Gran Paradiso facilmente raggiungibile dalla strada del Nivolet (valle Orco), in questi anni è diventata una classicissima del cicloalpinismo, ma incredibilmente ancora mancava sulle nostre pagine! Nonostante l'altezza rilevante che supera di gran lunga i "Tremila" la discesa da questa cima non presenta particolari difficoltà tecniche, ma il fascino e l'atmosfera che si respira è quello tipico delle gite di alta quota ... per aggiungere un po' di pepe vi presentiamo due possibili anelli con partenza dalla Valsavarenche che con un giusto mix di ingredienti sono in grado di soddisfare anche i "palati più fini"! 
Andrea (Barolo71)
... Taou Blanc, la classicissima che mancava!

domenica 19 agosto 2018

Punta Rossa della Grivola (3630 m)

Val di Cogne 

Pedalare a quota 3500 m … credo che se me lo avessero raccontato tempo fa avrei pensato ad uno scherzo. E ora che lascio scorrere veloce davanti agli occhi le fotografie di questa giornata pazzesca i brividi di emozione si risvegliano all’istante e inizio a realizzare la grandiosità di questa esperienza.
L'estate inoltrata regala la possibilità di risalire quelle alte cime che di solito si ammirano con il naso all'insù e la Punta Rossa della Grivola è stata la montagna che ci ha regalato con sorpresa e orgoglio alcuni record personali: la pedalata alpina più alta e forse la discesa ciclabile più lunga (oltre 2000 metri di dislivello in sella tutti d'un fiato, su sentiero!)

Chiaretta
... la nostra meta: una piramide dai colori rosei e caldi ...  

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...