sabato 28 agosto 2021

Puy de la Sèche (2820 m)

Ubaye

Cima non molto frequentata, per palati fini. Incastonata tra la Vallon du Laverq e il col de Vautreuil è caratterizzata da una discesa spettacolare tra ripidoni al limite della gravità e placche di roccia che sembrano non finire mai al cospetto della Grande Séolane. Anche questa volta l'Ubaye non ha tradito le aspettative regalando ambienti selvaggi e incontaminati che hanno il pregio di farci meravigliare, come se fosse la prima volta!
Andrea C. (Barolo71)
... i selvaggi ambienti della Puy de la Sèche ... 

giovedì 8 aprile 2021

Alpe di Rittana (1798 m) & Monte Tajarè (1654 m)

Valle Stura di Demonte

Con la sua armoniosa forma arrotondata, in primo piano nella sfilata dei monti della Valle Stura, l'Alpe di Rittana è la montagna di casa dei cuneesi a cui sono particolarmente affezionati. Affrontato in bici, sci, ciaspole o a piedi, questo monte dall'altezza modesta, con il suo fratello minore Tajarè, offre divertimento assicurato a due passi dalla pianura in tutte le stagioni. Merito di tanto successo va anche all'impeccabile cura dei sentieri ad opera degli amici del Bike Park Tajarè.
Chiaretta
... Alpe di Rittana un balcone sulla valle Stura ...

domenica 13 settembre 2020

Punta Basei (3338 m)

Valle Orco

Punta Basei, una classicissima dello scialpinismo tardo primaverile e meta di centinaia di escursionisti nella stagione estiva. Posta a cavallo delle valli Orco e Rhemes, tra Piemonte e Valle d'Aosta, è un "3000" che ha visto rotolare le ruote grasse solo dalla scorsa estate.
Diego

martedì 4 agosto 2020

Tête du Rissace (2965 m)

Queyras

Una breve vacanza in Queyras ci porta a ripercorrere l’affascinante valle di Ceillac dove troviamo, al confine con l’Ubaye, un’altra perla cicloalpinistica: la Tête du Rissace (2965 m). Questa gita non ha nulla di proibitivo: portage limitato, sviluppo e dislivello modesto, alta ciclabilità. Eppure, nella sua semplicità, racchiude in sé ciò che di più bello e divertente può offrire il Queyras: panorami da urlo, sentieri scorrevoli mai tecnici, creste morbide di tappeti “sfasciumosi”. Insomma… gita consigliatissima!
Chiaretta
... gran discesa con partenza dalla vetta ... 

domenica 2 agosto 2020

Tête de Vautisse (3156 m)

Durance - Ecrins

Una vetta di oltre tremila metri posta sul confine del Parc National des Ecrins che può essere scesa integralmente partendo dalla vetta in sella alla mountain bike: questo lungo itinerario regala panorami incredibili ma richiede un ottimo allenamento e buone capacità di orientamento nella scelta del percorso migliore a causa di un lungo tratto di discesa totalmente fuori traccia ...
Bobo
... Tête de Vautisse discesa dalla cresta Sud-Est ...

domenica 26 luglio 2020

Bric Froid (3303 m)

Queyras

Il Bric Froid o punta Ramiere è posta sullo spartiacque Italia/Francia ed è una delle montagne più alte del Queyras. E' possibile salirla e scenderla in sella a una bici con due grandiosi anelli, uno dal versante Italiano ( vedi https://www.cicloalpinismo.com/2017/08/punta-ramiere.html ) e l'altro dal versante francese. Oggi colmiamo la lacuna, affrontando la lunga trasferta in terra transalpina, che ci porta ad Abriès, con un gruppo misto "internazionale" composto da 3 Cicloalpinisti nostrani e 2 Francesi.
Bobo
... Bric Froid: grande avventura!


domenica 12 luglio 2020

Pointe de la Saume (3043 m)

Queyras

Giornata di metà luglio di un’estate che fatica ad esplodere, si parte con poche idee e pure confuse, con un meteo che non promette nulla di buono e con una sola zona dove sperare in una timida finestra di bel tempo: il Queyras! Mai scelta fu più azzeccata ... obiettivo: Pointe de la Saume, splendido tremila che sovrasta Ceillac e il vallone du Melezet. Anello atipico per la zona, visto il notevole tasso tecnico della meravigliosa discesa. Un giro completo di duro, puro e favoloso Cicloalpinismo!
Richard
... Pointe de la Saume, un tremila favoloso!

domenica 24 maggio 2020

Monte Monega (1887 m) & Monte Frontè (2152 m)

Valle Arroscia

Una delle meno conosciute e forse anche la più bella tra le cavalcate di cresta dell'intero territorio Ligure ... sicuramente si tratta della più alta! Percorrere dal Passo di Pian Latte al Monte Monega e raggiungere Frontè e Garlenda lungo la dorsale che corre a cavallo delle valli Arroscia e Argentina è uno di quei luoghi che cicloalpinisticamente si potrebbero definire imperdibili ... se a tutto ciò si unisce la discesa delle cascate dell'Arroscia il giro raggiunge livelli di perfezione davvero alti!
Simone
... Monte Monega un balcone sul mare...

sabato 23 maggio 2020

Bisalta (2231 m) / Sperone Centrale (2265 m) / Bric Costa Rossa (2403 m) ... Traversata Integrale

Val Pesio/Vermenagna ...

Il monte Besimauda comunemente noto col nome di Bisalta è la montagna simbolo di Cuneo e dei comuni limitrofi, per la sua particolare conformazione che la rende particolarmente individuabile nonostante un'altezza relativamente modesta. Sappiamo bene che il terreno in questione poco si presta al "rotolamento" ma una traversata integrale del crinale montuoso Bisalta/Costa Rossa ci consentirebbe il collegamento ai docili dorsaloni prativi di Cima Pittè/Mirauda, che ben conosciamo, e che regalano sempre grandi emozioni cicloalpinistiche ... di seguito vi raccontiamo un sogno che si realizza!
Flavio & Bobo
... un sogno chiamato Bisalta ... 

giovedì 17 ottobre 2019

Punta Fiutrusa (3110 m) & Monte Ferra (3094 m)

Valle Varaita

La possibilità di sfruttare una giornata autunnale perfetta unita al desiderio di realizzare un progetto sognato da tanto tempo, due tremila che ci frullavano da tempo nella testa. La cosa che non ci aspettavamo è stata quella di trovare una quantità di neve così ingente, un freddo così pungente e tante altre belle cose che ci hanno realmente messo a dura prova. Una di quelle giornate in cui in certi momenti smetti di crederci e ti viene voglia di tornare indietro, ma poi basta alzare gli occhi per trovare la forza per continuare ... a sognare!
Bobo
... gita spessa, aria sottile... 

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...