sabato 15 settembre 2007

Anello dei Becchi Rossi

Valle Stura di Demonte

Questo itinerario a dispetto del chilometraggio assolutamente non proibitivo (solo 22 km!!!) è un giro che offre grosse soddisfazioni sia dal punto di vista tecnico-ciclistico che da quello puramente estetico-paesaggistico.
... questo sentiero è un vero e proprio un ascensore ...

Si parte da Pontebernardo (1300 m) e appena usciti dal paese (statale del colle della Maddalena) si prende subito l'asfaltata per il rif. Talarico. Si prosegue per circa 2 km fino a un bivio (dx) con indicazione Murenz (1580 m) che prendiamo e su una bella sterrata carrozzabile giugiamo velocemente alla tipica borgata. Attraversiamo il gruppo di case e dopo circa duecento metri seguiamo i segnavia (sx abbastanza ripido) per il colle dei Becchi Rossi (Colle del Puriac). La mulattiera ha essenzialmente due caratteristiche: un fondo perfetto e una pendenza costante molto ripida (non molla mai!!!) che comunque non pregiudica la ciclabilità malgrado la fatica nelle gambe si faccia ben presto sentire.
Ilaria e Panna ci abbandonano a metà della salita, peccato perchè il Panna era in grande forma con la bici nuova fiammante, sarà per la prossima!!!
Rimaniamo io e Rino e come su un ascensore guadagnamo quota passando per bunker e baraccamenti militari, di fronte a noi le Barricate e la zona dell'Oserot con alcuni dei miei sentierini preferiti (clicca sui link per vedere le recensioni) . Probabilmente a dispetto della pendenza anche questa mulattiera fa parte delle numerose opere militari della zona.

... colle dei Becchi Rossi ...
In prossimità del colle la mulattiera, diventata sentiero, ci costringe a spingere per non più di dieci minuti la bici. Sul colle (2244 m), vero e proprio balcone sulla valle Stura, si progettano i nuovi giri zona del colle del Vallonetto e un bel taglio sopra le Barricate sarà la meta della nostra prossima avventura.
... le caratteristiche conformazioni rocciose ...
Breve pausa pranzo e poi via si scende su un sentiero spettacolare, tutto tornantini, dal fondo praticamente perfetto, dove però la pendenza richiede una perfetta padronanza del mezzo. Con un bel traverso finale arriviamo sul fondo del vallone (1870 m) e attraversiamo il Rio Forneris nei pressi dei prati San Lorenzo (tralasciamo le tracce di sentiero per il colle di Stau). Risaliamo il sentiero fino al bivio che a sx porta al colle del Ferro noi invece seguiamo a destra le indicazioni per Ferrere. Una breve salitina su un bel sentiero poi una discesa veloce su single trak e siamo al ponticello sotto Ferrere (1860 m).
... in fondo Ferrere: uno dei paesini più belli di tutta la valle ...
Arriviamo a Ferrere, sicuramente una delle più belle borgate di tutta la valle, e facciamo sosta al rifugio Becchi Rossi. Ci piacerebbe continuare il giro facendo anche il colle del Puriac, che già conosciamo, ma abbiamo soltanto la mattinata a disposizione; quindi per evitare l'asfalto che da Ferrere conduce a Bersezio, su suggerimento del gestore del rifugio, ci avventuriamo lungo un sentiero che scende proprio sotto il paese. Attraversiamo un ponticello, il sentiero nel primo tratto è bellissimo (c'è addirittura una staccionata!!!) poi man mano che si scende si perde un pò e si trasforma in un'infinità di tracce create dai pascoli; la ciclabilità non risulta comunque pregiudicata e seguendo la sponda sx del torrente di fondo valle arriviamo a una carrozzabile larga sterrata che in breve ci conduce al Villaggio Primavera sotto Bersezio. Da qui con circa 1 km su statale, ed evitando le gallerie con la vecchia strada, in breve arriviamo al punto di partenza e anche questa volta la valle Stura ci ha regalato un altro bel giro appagante sotto tutti i punti di vista.
Bobo
Dati del giro:

Anello Pontebernardo - Murenz - colle dei Becchi Rossi - rio Forneris - Ferrere - Villaggio Primavera - Pontebernardo

Presenze: Bobo - Rino ( primo tratto Panna - Ilaria)

Quota di partenza: 1300 m (Pontebernardo)

Quota Max: 2244 m (Colle dei Becchi Rossi)

Disl: 1050 m

Ciclabilità salita: 99%

Ciclabilità discesa: 99,9%

Difficoltà: MC+/BC+ (salita/discesa)

Sviluppo: Km 22 circa

  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati
  •  16 Luglio 2018 
Auta di Barel (2534 m)

L'Auta di Barel è un vero e proprio balcone sull'alta Valle Stura, costituito da un’ampio pendio prativo ricoperto di rododendri circondato da baratri e pareti verticali: grazie a quel che rimane di antichi tracciati di origine militare, risalenti a fine 800, è possibile raggiungerne la sommità anche in mtb ...
... Auta di Barel (2534 m) ...
Le previsioni davvero poco gratificanti per questo lunedì non frenano la nostra smania di esplorazione: fissata la partenza a un'ora improponibile per provare ad evitare le bombe d'acqua previste per l'ora di pranzo, e non senza aver drasticamente ridimensionato i nostri piani, partiamo alla volta di una delle più belle salite pedalabili della zona ripercorrendo pari pari la salita ai Becchi Rossi da Murenz descritta sopra. 
... turisti giapponesi ... 
Risaliti i Becchi Rossi su un sentiero in condizioni spettacolari, ci concediamo una veloce esplorazione nel dedalo di cunicoli fortificati che caratterizzano questo luogo (... per gli amanti dei numeri le gallerie sono zero % ciclabili, troppo strette, non passa il manubrio!). 
Il cielo ancora non eccessivamente minaccioso ci consente di puntare alla vetta dell'Auta di Barel (2534 m), dando così inizio alla parte esplorativa della gita. 
... un balcone sull'alta valle Stura ...
Primo pezzo in rude portage su traccia ripida tutta tornanti (...only vertrider...) con soltanto qualche arbusto di troppo che soprattutto in discesa obbliga a qualche piede a terra poi, una volta raggiunto il costone il pendio si distende permettendo perfino qualche tratto pedalato ... la vista è impagabile!
Il finale è su roccia mista erba dove una vaga traccia, simil scavata, disegna dei bei tornanti alternati a vertiginosi traversi dove è assolutamente vietato sbagliare (... occhio!).
... chi ha la gamba l'Auta la pedala ... 
Una volta in vetta ci ritroviamo immersi nel più cupo grigiore e le prime gocce d'acqua ci invitano a non perdere tempo ed abbandonare ulteriori intenti esplorativi per un più sano dietrofront ... nella gara con la pioggia vincerà lei, in ogni caso non ci rovinerà la bella discesa dall'Auta di Barel (... solo per amatori del vert-ripido... ) e il successivo rientro dai Becchi Rossi, fatti nel verso di salita (... molto easy e veloci ...). A Murenz ci concediamo il taglio sul sentiero diretto che unisce la borgata a Pontebernardo una vera chicca che farà la felicità degli amanti del "nose".
In definitiva sono circa 1300 m in cui anche questa volta abbiamo saziato la nostra fame esplorativa  e ... ritorneremo!
Bobo
... ritirata strategica ...
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Pontebernardo - Murenz - Becchi Rossi - Auta di Barel - Becchi Rossi - Murenz - Pontebernardo

Presenze: Bobo, Chiaretta, Andrea

Disl: 1300 m

Quota di partenza: 1312 m (Pontebernardo)

Quota Max: 2534 m (Auta di Barel)

Ciclabilità salita: 80%

Ciclabilità discesa : 99%

Difficoltà: OC/BC(EC)
                M3-T3(T5)-E3  dove il T5 è per la discesa dall'Auta di Barel

Sviluppo: 17 km

3 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao bobo si può avere uma traccia gps .ciao e grazie ,ci vediamo al lpv di chianale .corrado

Anonimo ha detto...

fatto oggi 15 08 09 fantastico bella dura la salita stupenda discesa su ferrere col del puriac grange e poi consiglio dal villaggio primavera, a dx si segue ind. per murenz salita verso la fine bella tosta ma pedalabile su un'ottimo sterrato stradaleinfine dalle vasche pima di murenz dritto in uno spettacolare sentiero gta che porta a ponta bernardo.

soldato chicca ha detto...

Anello percorso in data 27 agosto scorso. Salita dura per la pendenza media (punte del 35, 38 e 41 %) ma panorami remunerativi.
Discesa ottima: fino al rio forneris due punti due un pò più difficili per il fondo ciottoloso e per il resto una sfilza infinita di tornantini perfetti!!Che spasso!!!Poco ciclabile la risalita dal rio Forneris al sentiero che arriva dal colle del Ferro ma è molto breve. Da Ferrere percorso il sentiero dietro la chiesa fino al villaggio primavera. Per rendere il giretto quasi "abitumico" anch'io ho scelto di risalire per sterro per Murenz e di calare a Pontebernardo con il gta (putroppo un pò infestato da fastidiosa vegetazione). Chicca

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...