giovedì 15 maggio 2008

Monte Ceppo

Valle Armea - val Nervia

Un piccolo anello, di modesto impegno fisico ma molto appagante per la bellezza dell'ambiente e lo spettacolare single track che occupa praticamente tutta la discesa.

Il Monte Ceppo tra le nebbie

Dal parcheggio vicino al centro di Baiardo, magnifico borgo arroccato sul crinale tra le valli Armea e Nervia, raggiungiamo con una breve salita il quadrivio del Passo Ghimbegna, dove si diramano le strade per San Remo e il Monte Bignone, e seguiamo l'indicazione stradale per il Monte Ceppo.
La strada, asfaltata ma quasi priva di traffico, sale piacevolemnte in un bel bosco misto aggirando i monti Collettazzo e Alpicella. A un bivio si lascia a destra la discesa per Badalucco e si prosegue, sempre con pendenze tranquille, fino a un tornante dopo il quale intersechiamo per breve tratto il percorso di discesa (fontana lungo la strada). In breve il bosco sulla nostra sinistra cede il posto a una ripida prateria che costituisce la sommità del monte. Siamo così alla spianata della Croce di Praesto (1502 m) e poco prima del curvone che adduce al valico abbandoniamo la strada per salire una ripida traccia nel prato a sinistra. Un breve tratto pianeggiante e ci troviamo di fronte una rampa rettilinea che porta all'anticima N del Monte Ceppo.
A pochi metri dalla vetta
Possiamo anche evitarla seguendo un seniterino stretto ma ciclabile sulla sinitra e raggiungiamo nei due casi l'insellatura tra le due cime. Un'ultima breve salita e siamo alla piccola croce di vetta (1627 m). Il panorama (non quello che si vede oggi) abbraccia le Alpi Marittime e la Corsica, torneremo a vederlo il prossimo autunno...
Ci prepariamo per la discesa e proseguiamo verso S sulla traccia, che perde subito vertiginosamente quota per la massima pendenza fino a una selletta prativa.
Un pò di ripido prima della selletta
Stiamo attenti sulla nostra destra e troviamo un sentiero perfettamente tracciato che si infila nel bosco, qua e là con indicazioni VTT (triangolo e due palline). Il sentiero, dopo un piacevolissimo traverso, perde quota con i tratti più ripidi rovinati dai passaggi dei freeriders, ritorna sull'asfalto in prossimità della fontana ma lo abbandona quasi subito per ritornare nel bosco sulla destra. L'andamento adesso è più tranquillo, passiamo presso delle casette (Colla Serro, 1100 m) a pochi metri dalla strada e, sempre seguendo le indicazioni vtt, imbocchiamo una dicesa sulla destra che porta all'ultimo tratto dell'itinerario, forse il più bello come fondo e ambiente. Attraversiamo numerosi valloncelli in una fitta foresta e, senza mai perdere troppa quota, riusciamo infine su un poggio da cui improvvisamente appare Baiardo sul suo cucuzzolo.
Ancora una breve discesa sconnessa e sbuchiamo in mezzo alle case, poi in breve alla partenza.

Ultimo tratto di sentiero con vista su Baiardo
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Anello Baiardo - Croce di Praesto - Monte Ceppo - Colla Serro - Baiardo

Presenze: Bobo, Roberto

Quota di partenza: 853 m (Baiardo)

Quota Max: 1627 m (Monte Ceppo)

Disl.: 770 m

Ciclabilità salita: 98%

Ciclabilità discesa: 99%

Difficoltà: TC/OC

Sviluppo: 21.5 km
woof

3 commenti:

carlo ha detto...

bellissimo giro

BUTTERFLY ha detto...

good to see your site.I was repairing my bicycle yesterday.

gamelito ha detto...

Merci pour les infos
Fantastique paysage, une petite sortie qui en vaut de plus grande!
La montée sur route est bien tranquille, le portage suffisant, et une belle descente et une auberge à l'arrivée pour finir la sortie!

Le chemin est propre, deux glissements de terrain dans la forêt nécessitent de la prudence.

Merci pour les infos

quelques photos sur notre blog "muddysbikers.blogspot.com

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...