domenica 1 febbraio 2009

Le Manie e Capo Noli

Finalese

La zona Est del Finalese, nota come Altopiano delle Manie, e il vicino promontorio di Capo Noli, sono da sempre noti per gli straordinari pregi ambientali. Recentemente il comune di Noli ha risistemato e segnalato una magnifica rete di sentieri, in gran parte ciclabili, di cui oggi siamo andati a provare una piccola selezione. Il giro anche se i numeri sono piccoli è abbastanza impegnativo per la dura serie di saliscendi e le discese mai banali.
In prossimità del Semaforo

Partiti da Vado Ligure in una giornata fredda e ventosa, ci scaldiamo i muscoli su per la classica salita di S. Genesio, con bella vista sulla cokeria e sulle cave riconvetite in discarica... Per fortuna dura poco e quando l'asfalto cede il posto allo sterrato entriamo in una rada pineta e saliamo alla selletta del monte Mao (373 m). Senza salire in vetta, continuiamo sulla sterrata che dopo una discesa pietrosa diventa pianeggiante e poi asfaltata, contornando un panoramico vallone fino a innestarsi sulla strada Spotorno - Voze (256 m, 4.8 km da m. Mao). Prendiamo a destra e continuiamo fino a Magnone, poi ancora (sinistra) a S. Libera e proseguiamo per Voze, ma dopo pochi metri svoltiamo su una stradina a destra (indicazioni: chiesa/cimitero). Superata una borgata e un'ultima cappelletta, la strada diventa sterrata ed entra nella classica lecceta (ovviamente il bivio di cui sopra è anche raggiungibile su strada se si preferisce partire da Noli).
La strada sembra terminare contro un cancello ma alla nostra sinistra prende a salire con fondo molto pietroso: in breve, trascurando uno sterratone sulla destra, siamo sul panoramico (non oggi!) Bric dei Monti, l'unica elevazione oltre i 400 m della zona.
Siamo sopra Voze più in basso il mare e Noli
Dalla vetta direzione Voze inizia un veloce sentiero che si infila nel bosco (sentiero n. 6), ottimamente ciclabile, e quando arriviamo a un punto con splendida vista su Noli affrontiamo un tratto ripido e roccioso. Subito dopo arriviamo a un bivio dove svoltiamo a destra in salita (pochi metri di portage) e in breve usciamo sullo sterratone trascurato in precedenza. Scendiamo fin sul fondo di una grande dolina (prati) e risaliamo fino al piazzaletto della vecchia cava. Sulla destra il sentiero n. 6 ritorna nel bosco e, con percorso divertente, arriva a tagliare la strada delle Manie. La attraversiamo (loc. Terre Rosse) e saliamo la ripida rampa di fronte a noi fino a un colletto con vista su Noli, poi ancora a destra su una salita spaccagambe che costeggia il Bric dei Crovi (385 m) in un paesaggio devastato dagli incendi. A un evidente bivio scegliamo la via di destra (toboga), che scende velocemente al prato del ristorante Ferrin su un ex-sentiero "addomesticato" per la downhill: non dobbiamo neanche pensare a sterzare ... curve in appoggio a go-go!!!
In breve, attraversando i prati sulla sinistra, sbuchiamo senza percorso obbligato sulla sterrata di Capo Noli.
Sempre a un passo dal mare
Da questo punto è possibile raggiungere Capo Noli con percorso elementare, ma noi scegliamo una serie di varianti più tecniche, divertentissime, in mezzo al "rebigo" di sentieri appena risistemati (usando la traccia gps risulterà sicuramente più facile non sbagliare strada!).
Percorso dunque un breve tratto della strada arriviamo a un importante bivio dove arriva il sentiero n.6. Prendiamo un sentierino sulla destra, che punta direttamente verso il mare, e con percorso estremamente panoramico nella macchia contorniamo dei piccoli valloni e prendiamo un bivio a sinistra che riporta in prossimità della strada. Ci buttiamo di nuovo a destra, nel bosco fitto, seguendo i segni della 24h, e arrivati a un punto panoramico (traliccio) saliamo una dura rampa fino a un grande pino: ancora a destra e, in lieve discesa, ci innestiamo sul grande sentiero (segnavia: X rossa) proveniente da Varigotti.
Sulla nostra sinistra i ruderi della Torre delle Streghe, che superiamo entrando in un altro magnifico bosco in lieve salita. Alla fine torniamo sulla sterrata che in pochi metri termina al Semaforo (cancello e sentiero per il Capo Noli chiusi).
Sulla sinistra scende una larga pista sassosa (segnavia: cerchio sbarrato rosso) che fa un tornante, tagliabile con breve variante tecnica. Restiamo sul sentiero abbandonando la sterrata (che scende sempre a Noli con percorso decisamente più facile) e dopo un primo salto non ciclabile percorriamo una spettacolare discesa, molto impegnativa e sostenuta ma tutta percorribile in sella, fino a riprendere la sterrata presso una casa. Ormai siamo agli sgoccioli, sulla nostra sinistra raggiungiamo (breve salita a spinta) i ruderi di S. Lazzaro e con un'ultima splendida vista su Noli scendiamo in paese su sentiero lastricato e gradonato. Non resta che chiudere il giro con un noioso tratto di Aurelia fino a Vado.
video


 Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Anello Vado - S. Genesio - bivio m. Mao - Voze - Bric dei Monti - Bric di Crovi - Torre delle Streghe - Semaforo - Capo Noli - Noli - Vado.

Presenze: Bobo, Roberto, Leprotto, Saverio, Moreno.

Quota di partenza: 5 m (Vado Ligure)

Quota Max: 410 m (Bric dei Monti)

Disl.: 900 m

Ciclabilità salita: 99,8%

Ciclabilità discesa: 99.8%

Difficoltà: BC/OC

Sviluppo: 36 km
woof & Bo

1 commento:

Massimiliano "Gas" ha detto...

Ciao belli... a presto!

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...