giovedì 19 novembre 2015

Passo di Monte Carbonè (2730 m)

Val Roya / Gesso

Ormai ci abbiamo fatto il callo, anzi sarebbe meglio dire la gobba, e prima di iniziare la fase riabilitativa di schiena e vertebre cervicali nel lungo letargo invernale, decidiamo di finire in bellezza tentando di portare a termine un progetto che da tempo frulla nella mente "malata" di entrambi. Stiamo parlando di un poco conosciuto valico dell'amata e decantata Valle Gesso denominato "Passo di Monte Carbonè" che rifacendosi alla carta topografica sembra avere un sacco di invitanti tornantini!!!
Bobo & Andrea
Passo del Monte Carbonè from Cicloalpinismo on Vimeo.


Come sempre l'itinerario è frutto di una lunga gestazione, studi di carte, esplorazioni invernali, precedenti esperienze e ricerca di informazioni su internet: l'input maggiore lo avevamo avuto l’anno passato durante l'avventura che ci aveva condotto al Rif. Pagarì (clicca) dove l'occhio era caduto su una serie di “Z” sul versante opposto della valle in direzione del Monte Carbonè ... da quel momento per Bobo, sempre troppo sensibile a queste cose, era iniziato il tormentone…Carbonè! ... Carbonè! ... Carbonè! ... poi tra una storia e l'altra era arrivato Novembre con la prima neve, ma una provvidenziale imbeccata del buon Igor Napoli che confermava poca neve lungo il percorso e a quel punto bisognava togliere il dente!
... contrasti novembrini ...
Il sentiero in questione si stacca a metà della valle del Bouc (già descritta e discesa da noi nel 2013 clicca) per andare a salire il versante orientale e terminare ai quasi 2800 m di quota del poco conosciuto Passo di M. Carbonè da cui, purtroppo, non pare possibile scendere sul versante opposto della valle.
Per evitare di dover fare un noioso andata/ritorno dal fondo valle (San Giacomo di Entracque), infrangendo uno dei nostri comandamenti fondamentali che impone, nei limiti del possibile, sempre e solo giri ad "anello", decidiamo di arrivarci un po' "macchinosamente" dall’alto. Siamo al 19 Novembre, le giornate sono molto corte e ci troviamo in quota dove sui versanti in ombra c'è neve dura come il marmo e questo potrebbe creare non pochi problemi ... il giro così come studiato sulla carta è improponibile con le poche ore a disposizione, sia per dislivello che per chilometraggio.
... "wanted" ... maleficamente vietato!
Ci tocca quindi usare due auto per fare spola ... con la prima saliamo al Col di Tenda dove dovremmo iniziare una lunga traversata che passando per il Colle del Sabbione, il Col di Vej del Bouc e quindi il Colle di Carbonè ci dovrebbe consentire di scendere a San Giacomo e quindi a Valdieri prima delle tenebre, dove ci aspetta la seconda auto … si tratta di un giro di ampio respiro e ampio chilometraggio parlando di numeri circa 44 km in sella e altrettanti in auto dislivello circa 1650 m a propulsione umana, più di 1000 in auto.
Suona la sveglia alle 5 del mattino, il bello di vivere sul mare e andare in bici in montagna, questa volta nello zaino ci sono anche ramponcini e pila frontale ... nebbione nella pianura piemontese, visibilità pochi metri, caffè doppio al bar e prima delle 8 siamo a Valdieri a lasciare l'auto.
... Laghetto della Vacca ... 
Facciamo il trasbordo delle bici con 0 gradi e 99% di umidità … brrrrrr!!!! … dopo 45 minuti posteggiamo la seconda macchina poco sotto i 1870 m del Colle di Tenda con 8 gradi, e un bel sole che ci scalda ... vista mare!!
Partiamo sulla piacevolissima militare che traversa in territorio Francese in direzione Casterino, poi imbocchiamo il magnifico sentiero, maleficamente vietato alle mtb che taglia la Cima del Sabbione, 99% pedalabile, ma ufficialmente sarebbero circa 3 km di portage obbligato per non incorrere nelle pesantissime sanzioni dell'inflessibile gendarmerie d'oltralpe ... occhio!!!
... salendo dal Lago della Vacca, direzione Vej... 
Ancora qualche colpo di pedale intervallato da un po' di spintage e saliamo sull’ampio colle Ovest del Sabbione a quota 2330 m; siamo in maniche corte e non c’e una bava di vento, ma i laghi in ombra 100 mt sotto di noi sono quasi completamente ghiacciati creando un contrasto incredibile tra quello che vedi e quello che percepisci, sembra di essere sotto una campana di vetro e guardare fuori!
Affrontiamo la prima breve discesa all’ombra, in picchiata sulla lastra di ghiaccio che copre il lago della Vacca e risaliamo in portage verso il Col del Vej del Bouc su un tappeto di calda erba gialla delimitata a poche centinaia di metri da noi dalle pareti nord delle cime di Scandeiera e Vernasca completamente ghiacciate, un’ambiente davvero surreale. Riusciamo anche a tirare qualche colpo di pedale!
... colle di Vej del Bouc innevato ... 
Il colle del Vej visto da distante è innevato e ci fa temere che la discesa sull’altro versante possa essere impraticabile. Giunti al Colle (2620 m) il paesaggio e’ maestoso con le Marittime spalmate davanti: Argentera, Gelas, Maledia ... il tutto condensabile in tre parole: sole, ghiaccio e silenzio.
Guardando il ripido pendio che dobbiamo scendere vediamo che, per nostra fortuna, quello che resta del sentiero e’ al sole e quindi ci permette di passare tra alcuni nevai, se fosse stato ricoperto di neve dura sarebbe stato veramente ostico e pericoloso e anche senza neve il primo pezzo obbliga a fare attenzione visto le pendenze!
... Marittime schierate ...
Perdendo quota il sentiero effettua un lungo traverso che purtroppo e’ appena accennato e tutto in contropendenza, rendendo la discesa non proprio all’altezza delle aspettative; rispetto alla precedente nostra esplorazione del 2013 (clicca) il degrado dovuto alle valanghe che si sono mangiate il sentiero è evidente.
A quota 2100 m circa, arriviamo al bivio con il sentiero che risale al Passo del M.Carbonè, la balise segna 2 h per più di 600 mt di D+, sono già le 13.00 e ora inizia la parte di percorso incognita, ma fortunatamente questo tratto lo dovremo fare anche in discesa, non ci resta che salire veloci nella speranza di arrivare sino in prossimità del colle ma decidiamo che alle intorno alle 14.15  dobbiamo girare i tacchi se non vogliamo rischiare il buio!
... quasi 700 m di portage all'ora ... che tirata!!!
Bici in spalla e via ... il primo tratto e’ appena accennato, poi man mano che si sale il sentiero e’ sempre più largo, bello e tutto al sole ... la classica bastardata che ti fa capire che se ti perdi la parte alta ti stai perdendo la parte più bella della gita!
La stanchezza e i dolori alla schiena iniziano a farsi sentire ma e’ una lotta contro il tempo … iniziamo a ingurgitare zenzero, frutta secca, barrette … ci mancano solo i barbiturici, ma dobbiamo tenere il ritmo alto per arrivare in coppa!
... scendendo su misto ... 
Facciamo un traverso dove addirittura si tira qualche colpo di pedale, giriamo un costone e vediamo il colle davanti a noi, sono le 14.05 siamo a 2680 ci mancano si e no 50 mt di dislivello per arrivare al colle, ma c’e un traverso esposto con 100 m di neve dura da fare ... i ramponi sarebbero d'obbligo, troppo tempo, che noi non abbiamo!
Facciamo due rapidi conti, intanto la luce inizia ad assumere il colore rosso dell'imbrunire…uno spettacolo! Decidiamo di desistere, la discesa e’ ancora molto lunga per arrivare a Valdieri e comunque ci sentiamo soddisfatti, mangiamo un boccone e voltiamo le bici verso valle.
... discesa dal Carbonè, disegnata per scenderci in bike ... 
La discesa e’ subito divertentissima e il sole basso crea un'atmosfera che sembra di essere in Norvegia. Ci catapultiamo a bomba lungo una serie di tornanti uno più bello dell’altro, Bobo e’ gasatissimo e riesce a scendere che e’ una meraviglia anche con il suo fedelissimo muletto Santa Cruz di 13 anni che deve sopperire all’attesa della nuova biga!
... e arriviamo nuovamente sopra il lago questa volta pero’ svoltiamo dall’altra parte…in discesa!
Senza perdere tempo ci buttiamo giù verso fondovalle, purtroppo la fretta ci fa prendere il vecchio sentiero che fa il giro più largo ma che e’quasi abbandonato e ci tocca tribolare un po', a discapito di quello nuovo che e’ più diretto e probabilmente molto più divertente.
... quasi a Pra del Rasur, quasi notte ... 
Passato il lungo pianoro di Pra del Rasur ci aspetta un ultimo idilliaco tratto nel bosco e poi lungo la sterrata di fondovalle ci ritroviamo a San Giacomo di Entracque … non ci resta che scendere su asfalto i 13 km che ci separano da Valdieri. Sono le 16.15 e siamo alla macchina, stanchi per la tirata, ma contenti per aver concluso un giro del genere al 19 di Novembre ... tempo di arrivare a casa e iniziamo a messaggiarci su probabili alternative da provare l’anno prossimo!
E’ il caso di dire che c’e un tempo per ogni tempo … e ora e’ il tempo dei ricordi e dello studio delle prossime avventure … ci vediamo nel 2016!
Andrea (Barolo71)
... Carbonè un posto da sogno ...
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:

Dati del giro:

Traversata: Colle di Tenda - Casermes de Peirefique - Colle Sabbione Ovest - Lago della Vacca - Colle Vej del Bouc - Passo di M.Carbonè - Lago Vej del Bouc - Pra del Rasur - San Giacomo Entracque - Borgo San Dalmazzo

Presenze: Bobo, Andrea

Quota di partenza: 1871 m (Colle di Tenda)

Quota Max: 2730 m (Passo di M.Carbonè)

Disl.: 1650 m (+1100 senza trasbordo)

Ciclabilità salita: 50%

Ciclabilità discesa: 98%

Difficoltà: BC+/OC
                 M3-T4-E3

Sviluppo: 44,5 km (+ Trasbordo)

2 commenti:

Phil'Ô ha detto...

Bravi ! Un'esplorazione molto coraggiosa con delle giornate cosi corte ! Una zona decisamente da scoprire con la bici per me !

Bobo ha detto...

... Phil è una zona troppo bella devi andarci, ti piacerà un sacco ;-)

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...