domenica 23 novembre 2008

Passo della Gava - Lago della Tina - Ponte Negrone - Lerca

Gruppo del Beigua

La gita sociale di novembre del Gruppo MTB CAI Savona ci riporta in zona Gava per affrontare una discesa inedita e spettacolare in grado di accontentare anche i palati più fini!!!
I primi metri di discesa della Gava

Per la salita ci rifacciamo alla descrizione dell'itinerario classico, precedentemente descritto, del Passo della Gava (clicca per consultarlo). Quindi dopo una sosta al rifugetto della Gava ripercorriamo la prima parte del bellissimo sentiero di discesa fino al bivio per il sentiero dei Ruggi; a questo punto proseguiamo, direzione Passo Gua, per circa 500m in lieve salita fino a un poggio dove stacca a destra un bel sentiero di recente segnalazione (indicazioni: Area castagno, ponte Negrone). In due curve arriviamo sul sentiero del lago della Tina, che possiamo raggiungere con facile percorso a/r verso destra, e proseguiamo in discesa.
Il laghetto della Tina
Ci aspetta un magnifico single track dal fondo ottimo ma interrotto da una serie di tornantini strettissimi, difficilmente ciclabili, fino al monumentale Ponte Negrone che si trova in fondo alla discesa.
Verso sinistra troviamo il largo, divertente sentiero dell'acquedotto che porta ad Arenzano. Noi però dopo 700 m incrociamo il sentiero botanico che arriva dal passo Gua e prosegue scendendo verso destra (segni rossi e tabelle esplicative lungo il percorso).
La traccia dopo un tratto nel bosco si infratta in una boscaglia quasi impenetrabile dove la bici passa a stento. Superate alcune ripide rampe usciamo in un piccolo uliveto e troviamo una nuova passerella di legno che valica il Negrone. A sinistra guadando un malagevole ruscello risaliamo su un bel sentiero orizzontale che, costeggiando il rio (Cian da Nave), in breve arriva a una stradina sterrata e all'asfalto: siamo a Campo, per chiudere in bellezza risaliamo ancora la strada e alla seconda curva a destra prendiamo il sentiero che scende ripidamente a un altro bel ponte in pietra (ponte delle Ratte).
Il ponte delle Ratte
Ancora una risalita a spinta e percorriamo un bel traversone nel bosco, interamente ciclabile, fino a sbucare su una stradina ormai in prossimità di Lerca. Risaliamo un breve tratto (destra) e ci innestiamo sulla strada di Sant'Anna, svoltando ancora a destra. Su asfalto passiamo davanti alla cappelletta, a una zona di immense costruzioni cementizie e all'attacco del sentiero per il M. Rama. La strada si fa sterrata, poi mulattiera, poi di nuovo asfaltata: attraversiamo le piccole borgate di Sciarborasca fino a un trivio (località Ciappa) dove proseguiamo dritti su un ultimo sentiero tecnico, costeggiando un caratteristico canale. Il sentiero termina presso un ristorante, risaliamo di fronte per raggiungere lo stradone di Sciarborasca e al bivio per il santuario del Deserto resistiamo (!) alla tentazione di chiudere il giro alla grande... non ci resta che scendere velocemente a Cogoleto.
Paradiso del single track rivierasco

Per vedere altre foto clicca su:
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Anello Cogoleto - Arenzano - Curlo - Passo della Gava - Groppo - Lago Tina - Ponte Negrone - Ponte delle Ratte - Lerca - Sciarborasca - Cogoleto

Presenze: Rino (d.d.g.), Panna (d.d.g.), Roberto, Bobo, Gigi, Marco R., Luca Gem., Saverio, Floro, Maurino, Carlo, Sergix, Giovanni (CAI Chiavari), Gianni (CAI Chiavari) + altri 5 amici

Quota di partenza: 0 m (Cogoleto)

Quota Max: 752 m (Passo Gava)

Disl.: 1100 m

Ciclabilità salita: 99%

Ciclabilità discesa: 99%

Difficoltà: BC+/OC

Sviluppo: km 39 circa
Bo & woof

Nessun commento:

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...