domenica 24 febbraio 2008

Passo della Gava

Gruppo del Beigua

La zona di Arenzano è percorsa da un dedalo di sterrate e sentieri che offrono innumerevoli itinerari ciclabili. Cominciamo a proporre questo che, pur nella sua brevità, condensa tutte le difficoltà in salita e discesa e offre scorci impressionanti sull'aspro versante marino del Beigua. Giro quasi perfettamente "abitumico"!

Ultimo traverso in vista del passo della Gava
Alle spalle del Santuario del Bambino di Praga (46 m), percorsi pochi metri di via Marconi, imbocchiamo a destra in ripida salita via Costa Boera e dopo 3 tornanti prendiamo a sinista (torre medioevale) l'evidente sterrata con indicazioni escursionistiche.
La stradina sale nel bosco con alcuni caratteristici ponti in pietra e presto si fa più ripida e dissestata. Guadagnamo quota a tornanti su sassi sempre più sporgenti fino a un tratto su roccia viva, seguendo sempre le indicazioni per il passo della Gava. Passiamo a fianco di una casa in ristrutturazione e sbuchiamo su una sterrata pianeggiante poi in breve sull'asfalto (via Pecorara, località Agueta) che seguiamo a destra fino a un grande serbatoio (300 m).
Proseguiamo in salita e l'asfalto cede presto il passo a una bella sterrata, chiusa al traffico, che con pendenza sostenuta raggiunge un alto traliccio, entra nel Parco del Beigua e continua a tornanti fra radi pini. In corrispondenza di una curiosa costruzione in pietra sormontata da un argano (Mulinello, 648 m) la pendenza si addolcisce e percorriamo un aperto traverso in direzione dell'evidente passo della Gava (751 m).
Tornanti piuttosto tecnici e divertenti

Prima dell'ultima rampa incontriamo una vasca antincendio (717 m) e, se non vogliamo raggiungere il passo per una vista panoramica, possiamo intraprendere la spettacolare discesa.
A sinistra troviamo un sentiero ben tracciato che scende con qualche brusco tornante e una rampa al limite della tenuta fino in vista di una bellissima cascata.
Incrociamo il sentiero S. Anna (segnavia A rossa su campo bianco) e lo seguiamo verso sinistra percorrendo un lunghissimo spettacolare traverso sull'alta val Lerone. Il sentiero, dal fondo ottimo e magistralmente costruito con tanto di muraglioni di sostegno, è comunque stretto e alcuni punti esposti richiedono cautela. Giunti al roccione del Groppo (525 m) abbandoniamo il sentiero per imboccare a destra una traccia più larga in discesa, sempre piuttosto tecnica, che termina con un saltino (a destra deviazione in piano per il giro dei Ruggi).

Deviazione per il giro dei Ruggi

Continuiamo con una piccola risalita e scendiamo all'evidente poggio del passo Gua (348 m), dove convergono diversi sentieri. Prendiamo la sterrata a sinistra che perde ancora quota (opere di acquedotto, tratti cementati) fino a riuscire sulla strada asfaltata pochi metri a valle dell'Agueta. Risaliamo quindi brevemente a sinistra e riprendiamo l'itinerario di salita che percorriamo al contrario, saltellando sui pietroni che ci hanno fatto soffrire in salita, fino alla base.
video


Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Anello Arenzano - Agueta - Passo della Gava - Groppo - Passo Gua - Agueta - Arenzano

Presenze: Bobo, Roberto, Emanuele, Alberto, Daniele

Quota di partenza: 46 m (Santuario)

Quota Max: 717 m

Disl.: 700 m

Ciclabilità salita: 99%

Ciclabilità discesa: 99,9%

Difficoltà: BC+/OC

Sviluppo: 17 km
Bo & woof

Nessun commento:

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...