domenica 24 giugno 2012

Giro del Mongioie

Val Tanaro

Terza puntata con il “cicloalpinismo lunare”, ovvero girotondo attorno al Mongioie in giornata, l'ultimo dei grandi anelli attorno ai colossi carsici delle alpi Liguri che ancora mancava alla nostra raccolta …
... il Mongioie osserva ...

Dopo Marguareis e Saline ci manca solo il Mongioie, seconda in ordine di altezza e certamente la più Ligure delle tre sorelle, visto che dalla vetta nelle giornate limpide si vede nitidamente Genova. Per la partenza si opta per Viozene (1245 m), in val Tanaro, quest'oggi con formazione inedita composta dall'amico di sempre e da tre nuovissimi, giovanissimi elementi decisamente promettenti!
Dalla chiesa del paese evitiamo il GTA che sale diretto verso Piano Rosso/rif. Mongioie ovvero la via normale escursionistica, per il più pedalabile stradone di servizio del Rifugio che si prende proseguendo l'asfalto in direzione Upega per circa 1 chilometro e poi svoltando a destra (palina). Salita durissima con strappi anche attorno al 20%, fondo smosso, ma con fatica si pedala quasi tutto.
Un bel traverso per rifiatare e passiamo davanti al Rifugio Mongioie (1550 m) dove seguendo le indicazioni si inizia a salire in direzione Bocchino dell'Aseo.
... fioritura sotto la parete NE del Mongioie ...
Riusciamo faticosamente a rimanere in sella per i primi 100 m di dislivello poi, ampio spazio al “grande Portage”e fino a Pian dell'Olio (2083 m) non daremo più un colpo di pedale...
Salendo, chi non lo sapeva capisce due cose:
1- Siamo in un posto stupendo nel cuore delle lunari alpi Liguri
2- Per guadagnarsi cotanta bellezza ci sarà da sputare sangue!
Pedalato l'ampio pianorone un breve spintage e svalichiamo il celebre valico Tanaro/Corsaglia del Bocchino dell'Aseo (2292 m) avvolto come di consueto nel solito nebbione.
Scendiamo e in breve incocciamo il sentiero percorso quindici giorni prima nel Gran Tour della val Corsaglia.
... verso il lago Raschera ...
Come la scorsa volta teniamo la sinistra idrografica del vallone, passiamo sotto l'imponente parete NE del Mongioie e seguiamo le indicazione per il lago Raschera (2108 m) che in breve raggiungiamo. Si prosegue ricopiando il giro precedente e puntando il Bocchino della Brignola (2260 m). Delle salite di oggi questa sarà la più breve e percentualmente la più pedalabile (...forse 50% in sella...). 
I tecnicissimi tornanti che affrontiamo richiedono concentrazione e buone doti di guida, avendoli già affrontati risulto avvantaggiato: ma questa volta però bisogna fare attenzione a non scendere fino ai laghi della Brignola; infatti prima dell'ultimo salto abbandoniamo il sentiero principale per una traccia a sinistra che taglia le sfasciumate pareti della cima Brignola, compiendo un lungo traverso fino a condurci all'imbocco di un vallone erboso (ruscello).
... laghi della Brignola, a sinistra il nostro traverso ...
... sullo sfondo Cima Ferlette e il Bocchino della Brignola ...
Una splendida fioritura di rododendri è un piacere per gli occhi, le zanzare che ci mangiano vivi un pò meno, ma siamo solo alla terza stazione della via Crucis odierna, denominata colletta Brignola/Seirasso (2330 m) e cima Coppi di oggi. Su questo colletto dove non mi risulta traccia scritta che parli di 2 ruote, la vista si apre sulla valle Ellero: a sinistra più lunare che mai il Mongioie, al centro stampata davanti la cima delle Saline in tutta la sua imponenza a destra in fondo al vallone il rifugio Mondovì.
Certamente a guardare il passo delle Saline a sinistra dell'omonima cima e nostra prossima meta ci viene male, ma ora abbiamo discesa quindi meglio non pensarci.
... l'inerbita discesa della coletta Seirasso Brignola ...
Seguiamo il sentiero a destra che compie subito un panoramico traverso, poi diventa più ripido ed inerbito ma con evidenti dei bei paletti di segnalazione; a un certo punto di paletti non ne vediamo più e diamo spazio all'improvvisazione attraversando in puro stile freeride i bei pratoni, con nel mirino l'evidente costruzione del Gias Gruppetti (1890 m) che raggiungiamo in sella senza grosse difficoltà.
Dal Gias si ritorna su terreni conosciuti, spingendo la bici per la linea di massima pendenza lungo i pratoni che attraverso conche erbose ci ricongiungono col sentiero escursionistico. Un breve tratto pedalabile e siamo sotto l'ultimo salto che con un paio di tornanti in spintage e ci porta sull'ampia sella del Passo delle Saline (2170 m). La discesa del sentiero A5 su Carnino mi era piaciuta moltissimo quando lo scorso autunno l'avevo affrontata la prima volta e anche questa volta non delude le attese: parte alta attraverso bei pratoni sempre filante e veloce; il tratto intermedio, più impegnativo, con tornanti, lunghi spettacolari traversi e qualche passaggio very Hard per gli amanti del tecnico e il finale nuovamente velocissimo tutto da guidare.
... parte alta della discesa delle Saline ...
... un pò di tecnico nella parte mediana ... (foto Cavalletta)
Invece di scendere sul Rifugio Ciarlo Bossi questa volta seguiamo le indicazioni per le Vene e Viozene: per chi ne avesse abbastanza diciamo che a questo punto l'anello si potrebbe comodamente chiudere su Carnino (vedi descrizione Saline) e quindi su bitume ritornare alle auto ma, si sà, il bitume a noi proprio non piace e poi come l'abbiamo chiuso noi è decisamente più gratificante!!!
Nuova salita su sentiero, questa volta breve e tutta pedalabile fino alla Colla di Carnino (1597 m), poi discesa bellissima a tratti lievemente tecnica fino al ponte tibetano che attraversiamo rigorosamente in sella!
Qui volendo è consigliatissimo fare tappa a piedi alla grotta e alla risorgenza delle Vene del Tanaro, ma per oggi ne abbiamo abbastanza. Ultima picchiata giù, lungo il divertente sentiero che in breve confluisce sulla cementata ci scodella a un passo dall'abitato di Viozene.
... teniamo alta la ciclabilità... il manubrio largo non aiuta ...
Sicuramente un giro durissimo, da amatori ... ne vale la pena? ...a voi testarlo sulle vostre spalle per quanto mi riguarda sicuramente ... si!  Il tanto "portage" in salita regala discese che appagheranno tutti gli amanti del tecnico e dei sentieri di alta montagna ... e poi l'ambiente, ma quello ve l'ho già decantato!

Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:

Dati del giro:

Anello Viozene - Rifugio Mongioie - Bocchino dell'Aseo - Lago Raschera - Bocchino della Brignola - Colletta Brignola Seirasso - Gias Gruppetti - Passo delle Saline - Colla di Carnino - Le Vene - Viozene

Presenze: Bobo, Gigi, Amedeo (Cavalletta), Marco (Quercia), Marco (Il Matto di Cortemilia)

Quota di partenza: 1245 m (Viozene)

Quota Max: 2330 m (Colletta Brignola Seirasso)

Disl: 1750 m

Ciclabilità salita: 35 %

Ciclabilità discesa : 99 %

Difficoltà: OC/OC+   
               M4-T5-E2

Sviluppo: Km 27
Bobo
  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati

  13 Ottobre 2014 - Mongioie (2630 m)

11 Giugno 2012 - Gran Tour della val Corsaglia 

2 Ottobre 2011 - Giro della Cima delle Saline

26 Luglio 2009 - Giro del Marguarèis

  11 Settembre 2006 - Monte Bertrand (2484 m



Monte Mongioie (2630 m)
30 Giugno 2014
Variante di cicloalpinismo estremo che ripercorre pari pari l'itinerario proposto qui sopra fino al  Bocchino dell'Aseo (2292 m); arrivati al colle si svolta decisamente a sinistra e si continua a "camallare" la bici in spalla sulle tracce del bel sentiero che si inerpica a tornati lungo l'imponente parete est del Mongioie ...  vista superba!
Intorno ai 2450 metri il sentiero verticalizza decisamente e la traccia diventa più esile complicando non poco la progressione. Una volta giunti sull'aerea cresta di vetta si guadagna la cima per facili roccette.
... in cresta ...
Purtroppo nonostante sia il 30 giugno la presenza di ampi nevai non mi cosente di chiudere l'anello come pianificato, ovvero scendendo in valle Ellero e ritornando alla base via colle delle Saline. Non mi resta che tornare sui miei passi; rinuncio a restare in sella nel pezzo alto dove la tratta si presenta decisamente difficile sia per fondo, pendenza ed esposizione e visto che sono da solo e una caduta potrebbe avere risvolti poco piacevoli; salgo in sella dalla quota 2450 m e fino a Viozene mi godo i più di mille metri di sentiero con le uniche soste dovute agli attraversamenti dei nevai. In prossimità del Rifugio Mongioie evito lo stradone carrozzabile pedalato in salita, per catapultarmi giù dal bel sentiero escursionistico che mi scodella nel centro di Viozene ... discesa assai gratificante, molto tecnica e mai estrema, che ha ripagato, in parte, la fatica fatta!
... 2630 m ... Mongioie con la bici ...
Dati del giro:

Anello Viozene - Rifugio Mongioie - Bocchino dell'Aseo - Monte Mongioie - Bocchino dell'Aseo - Viozene

Quota di partenza: 1245 m (Viozene)

Quota Max: 2630 m (Monte Mongioie)

Disl: 1400 m

Ciclabilità salita: 25 %

Ciclabilità discesa : 87 %

Difficoltà: OC/OC+   
               M4-T5-E3

Sviluppo: Km 16
 Bobo

Nessun commento:

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...