martedì 19 gennaio 2010

Monti e Passeggi (Traversata Savona - Quiliano)

Entroterra Savonese

Credevamo di conoscere i sentieri di casa... e invece eccoci a scovare un percorso inedito, divertentissimo, facile, che nonostante la vicinanza al nodo autostradale di Savona offre splendidi scorci panoramici e angoli di natura intatta!

Inverno savonese
Dal piazzale parcheggio della piscina di Legino (10 m) imbocchiamo a destra la ripida via degli Ulivi, che a mo' di ascensore ci porta in pochi minuti aulla strada della Madonna del Monte (190 m, breve tratto sterrato finché dura...). Seguendo la strada asfaltata verso destra superiamo in 500 m il passo del Priocco (222 m), da cui ci si affaccia sulla piana di Vado, e dopo altri 100 m lasciamo l'asfalto per l'ampia sterrata sulla sinistra, con piccoli saliscendi. Contorniamo così la testata dell'appartato vallone del Monte: in fondo sorge il maleodorante depuratore di Savona, ma quassù gli unici odori sono quelli della macchia e del sottobosco.
Sullo sfondo domina la Madonna del Monte
In breve riceviamo da sinistra la traccia di un oleodotto (paline) e la seguiamo in discesa, sempre su ampia sterrata, con magnifici scorci panoramici sul mare e sulla collina della Madonna del Monte. Passiamo a sinistra di una cascina (località Passeggi) in splendida posizione e raggiungiamo una selletta (160 m circa) da dove ci si presenta una terribile rampa in salita, pedalabile solo in condizioni di ottima forma.
Fronte mare, discesa dal Bric Maggiolo
Ripreso fiato in vetta al Bric Maggiolo (206 m) ci aspetta una divertentissima discesa sull'ampio crinale in mezzo a una vegetazione rigogliosa ma mai invadente (un tratto più ripido alla fine si può evitare con una piccola variante sulla sinistra, oggi però ingombrata da 2 tronchi di traverso), fino a un'ampia sella (92 m) con un quadrivio di strade, tutte da provare.
Noi scendiamo sulla destra per una traccia con gradini di legno, prima ripida poi distesa in uno di quei traversi "che mettono d'accordo tutti" in un sorprendente, integro boschetto di querce, fino a incontrare un percorso ginnico attrezzato. Mantenendoci sul percorso, dal fondo strepitoso, e badando ai numerosi "cittadini" di passaggio, valichiamo un ponticello di legno e usciamo infine in prossimità della chiesetta di San Pietro (7 m), gioiello romanico e simbolo di Valleggia, col suo vialetto di cipressi secolari.
L'impatto con l'asfalto è purtroppo immediato e violento e non ci resta che rientrare alla base per la viabilità ordinaria.
Si arriva alla chiesetta di San Pietro
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:


Dati del giro:

Anello Legino - via degli Ulivi - Passo del Priocco - valletta del Monte - Passeggi - Bric Maggiolo - Valleggia - Legino

Presenze: Bobo, Roberto

Quota di partenza: 10 m (Legino)

Quota Max: 250 m (testata Valletta del Monte)

Disl.: 300 m

Ciclabilità salita: 100%

Ciclabilità discesa: 100%

Difficoltà: BC+/MC+

Sviluppo: 11 km
woof

4 commenti:

stefano ha detto...

salve a tutti,nonostante sono dei dintorni anche a me era sconosciuto questo giro,bello davvero anche per chi ha poco tempo.complimenti per il vostro sito mi da un bel po di dritte. bravi bel lavoro

Anonimo ha detto...

Ciao questa sera ho rifatto questo giro dopo un pò di anni,splendido.Bello dopo il rampone,ci siamo divertiti un mondo.Ciao a tutti
Angelo e Ale

Anonimo ha detto...

Bel giro! A breve sperimenteremo altri tracciati consigliati nel sito. Complimenti per il lavoro e grazie. Marco

ivan ha detto...

giro effettuato con mio figlio di 8 anni.Molto divertenteanche se a tratti un pò duro.

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...