giovedì 3 luglio 2014

Ai piedi del Marguareis

Valle Pesio

A nostro avviso, forse, la più appagante discesa della zona, decisamente più abbordabile rispetto al più famoso Giro del Marguareis: la via di arroccamento è la solita militare del Passo del Duca, che unita a un portage accettabile lungo il bellissimo vallone del Marguareis, ci regala una lunga cavalcata su sentiero tecnico, sempre ciclabile, per l'intero sviluppo della discesa...
Bobo
... Dolomiti? No, vallone del Marguareis!!! (foto Barolo71)
 Dopo innumerevoli tentativi per far combaciare impegni, meteo e imprevisti dell ultima ora , riusciamo a strappare una mezza giornata per cercare di portare a casa il mio primo vero giro cicloalpinistico dell'anno!
L’abbondanza di neve in quota limita le possibilità della fantasia e decidiamo quindi di andare in val Pesio, per me nuova con la mtb, per Bobo straconosciuta ma con ancora qualche inedito da provare.
Saliamo dal pian delle Gorre al passo del Duca (1989 m) da cui possiamo optare per diverse soluzioni che valuteremo sul posto.
La salita, stranota ai più, è un autentico spasso, anche l’ultimo tratto che dal Prel noi abbiamo tagliato dritto in portage,  sembra invece sistemato e ciclabile, il tutto condito da sole e rododendri in fiore a go go, un'ambiente da favola .....tutto quello che serve perché la gita sia una di quelle giuste!
... giardino fiorito al colle del Prel ...
Facciamo una breve espolazione sul sentiero che sale al passo di Scarason ma capiamo subito che non c'è modo di farlo in nessun senso....intanto le nuvole iniziano a chiudere l'orizzonte e quindi optiamo per provare la discesa che dal colle del Prel (1945 m) porta  sul sentiro del Garelli nel vallone del Marguareis.
Le notizie che abbiamo sulla discesa non sono buone, ma in breve però vengono smentite, il sentiero infatti non è mai troppo tecnico ad eccezione di un breve tratto con sassi smossi molto grossi e l'ultimo tratto che però ci regala due tornantini molto belli e tecnici.
... PistrolCodda in action ...
Scendendo tralasciamo il primo sentiero che risale al rifugio Garelli nella speranza che quello poco più in basso sia più ciclabile...ma è solo un apparenza,  infatti ne pedaliamo si e no 100 mt.
Una sosta presso un bellissimo laghetto del Marguareis sotto al canale dei genovesi e al cospetto dell’ imponenti pareti e poi prendiamo un bel sentiero quasi tutto ciclabile che traversa in leggera salita sino a Pian del Lupo dove sorge  il rifugio Garelli (1965 m).
... Rifugio Garelli ...
 Dopo una doverosa birretta il gestore ci suggerisce in alternativa alla discesa diretta al pian delle Gorre (clicca) di prendere un sentiero che Bobo aveva già adocchiato, si tratta del lungo traverso che porta al Gias della Madonna.....una vera e propria rivelazione, a dir poco spettacolare!
Il sentiero sembra stato fatto da poco e da persone che sanno cosa ci vuole per divertirsi in bici, infatti è prevalentemente in leggera discesa con brevi tratti  da pedalare ... scorrevole ma con brevi tratti tecnici che aggiungono divertimento alla lunga cavalcata e come chicca anche qualche tornantino da nose, cosa più unica che rara sui traversi!
... il traverso sotto le cime di Serpentera ... (foto Barolo71)
Un'ultima breve salita a spinta ci porta al gias della Madonna da cui iniziamo l'ultima discesa.
La discesa, segue il corso del vallone di Serpentera passando attaverso i vasti pratoni di Pian del Creus (1289 m); inizialmente piuttosto fluida e goduriosa su terreno prativo, entrando nel bosco cambia faccia e diventa più rocciosa e tecnica per finire con una serie di bellissime curve (nose press) tra roccioni che a volte (... e questa è una di quelle ...)  mettono a serio rischio il cambio, che infatti a 50 mt dalla fine del sentiero decide di abbandonarmi ...
Alla fine il prezzo da pagare è anche una gomma e una gamba bucata (ahi!!!) ma tutto sommato un prezzo più che accettabile per una gita veramente godibile con discese da favola e ambiente stupendo.
Andrea Codda (Barolo71)
... lo spettacolo unico del vallone del Marguareis ...(foto Barolo71)
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Anello Pian delle Gorre - Colle del Prel - Passo del Duca - Colle del Prel - vallone del Marguareis - Rif. Garelli - Gias della Madonna - Pian del Creus - Pian delle Gorre

Presenze: Bobo, Andrea
 
Quota di partenza: 1032 m (Pian delle Gorre)

Quota massima: 1989 m (Passo del Duca)

Dislivello: 1550 m

Ciclabilità salita : 75%

Ciclabilità discesa: 100%

Difficoltà:  BC+/OC   
                M3-T4-E1

Sviluppo : 23,5 km

  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati

17 Ottobre 2013 - Anello della Cima Mirauda

29 Settembre 2008 - Anello della Cima della Fascia

26 Luglio 2009 - Giro del Marguareis

5 commenti:

ernesto ha detto...

per scendere da Garelli ho sempre fatto quella traccia , un po troppo erbacea nella prima parte ma poi troppo divertente
Bravi come sempre

Walter ha detto...

Grandi siete venuti a 5 km da casa mia, conosco bene il passo del duca, bella salita, complimenti. Walter

dom ha detto...

Ho fatto quel traverso diverse volte. L'ultima volta, un paio di anni fà, era in uno stato drammatico. Molti albero abbattuti, frane quà e là, a tratti il sentieri quasi inesistente o ritornato a madre natura
Confermate dunque il suo ripristino?

Bobo ha detto...

... confermatissimo, rimessa a nuovo di fresco ... l'unico neo se vogliamo sono le troppe mosche, del resto la quota eè quella che è.... in autunno dev'essere uno spettacolo!

Chicca ha detto...

Giro effettuato l'11/08/14. Grandioso!!
Confermo la rimessa in pristino del traverso gias della Costa / gias della Madonna: è stato fatto un ottimo lavoro, se penso a quanto si era inselvatichita anni fa (mi persi addirittura a piedi..).
Dal Pian del Creus confemo anche la bontà della variante via "pulpito", molto più facile e per ora pulita: in cima al pianoro attraversare il ponticello in legno e dirigersi nel prato verso le case diroccate. Raggiunte seguire le cataste di legna che conducono leggermente verso destra...come Pollicino troverere da lì a poco uno splendido sentiero in piano che va in direzione della cd. Rocca del Pulpito. Seguirlo facendo attenzione al bivio NON SEGNALATO verso sinistra: si tratta di un veloca toboga su fondo morbido che vi poserà a pochissima distanza del pian della Gorre, sulla strada che sale al Saut.
Chicca

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...