giovedì 23 luglio 2015

Lac Giaset e Val Clarea

Valle Susa

Il giro del Toasso Bianco ha aperto scenari che languivano da tempo e oggi andiamo a verificare un altro paio di cosette, sempre in zona Moncenisio. Tra questi c'è la discesa della Val Clarea dal Col Clapier, anni fà devastata dalle frane, ma ultimamente ci giungono notizie incoraggianti ... non ci resta che andare a buttare un occhio ...
Sergix
... opera monumentale, la militare della val Clarea!


La salita classica al Col Clapier l'abbiamo fatta e strafatta mille volte, pure descritta (clicca) al tempo dei pionieri e quindi sfruttiamo l'occasione per toglierci un altro tarlo ... risalendo il Vallon des Savines abbiamo notato che si vedono tacche gialle di un sentiero che in prossimità del lago, rimontano in direzione del Lac Giasset (sotto il Forte Malamot), ma incredibilmente su nessuna carta vi è traccia di ciò!
Partiamo da Bar Cenisio quota 1450 m, ampio parcheggio al posto della vecchia dogana italiana, dopo aver lasciato un’altra auto a Cresti (1050 m) per evitarci 400 m di statale trafficata da rumorosi smanettoni su due ruote. Sì potrebbe passare dalla classica salita a Grange Marzo e scendere poi su Bar Cenisio, ma il cielo nuvoloso e i 500 m di dislivello aggiuntivi oggi lo sconsigliano.
... salendo la militare del Malamot ...
Risaliamo per qualche centinaio di metri la statale, per abbandonarla in favore della sterrata militare che si stacca a sinistra verso le Grange Arpone. La strada è in ottimo stato e saliamo nel bosco senza particolari problemi.
Superato il lago, il fondo è decisamente più impegnativo ma comunque sempre pedalabile del resto stiamo percorrendo l’ennesimo capolavoro del Genio Militare da cui oggi attingeremo gran parte del tracciato.
Pian piano arriviamo in vista della diga del Moncenisio che vedremo meglio dopo. Raggiunta la sterrata che sale al Forte Malamot, la imbocchiamo godendoci i muri a secco e il panorama sul Forte Variselle e sul lago del Moncenisio. Questa volta però abbandoniamo la strada in corrispondenza del bivio per il lac Giaset (balise) e sotto lo sguardo severo del Malamot ci inoltriamo tra i laghetti a circa 2700 m di quota che avevamo sempre visto dall’alto.
... puntiamo il Lac de Savines in fondo ...
La traccia si perde ma sappiamo che dobbiamo oltrepassare i laghi e cercare delle tacche gialle fino al col de Lacs Giaset (2693 m).
In effetti le troviamo. Ma attenzione che alcune portano al lago della Vecchia, troppo in alto (anche questo sentiero non è indicato sulle carte). A noi servono quelle che scendono dritte in direzione sud verso il lac des Savines. Dopo un po’ di ravanamento con la bici in spalla le troviamo. L’inizio è un attraversamento di frana, poi riusciamo anche a mettere le ruote sul sentiero e percorrere in sella qualche tratto ma fondamentalmente non è troppo ciclabile; risulta comunque una interessante variante per il Col Clapier se si vuole evitare l’ormai asfaltato Colle del Piccolo Moncenisio, che soprattutto nel weekend è infestato dalle auto dei merenderos.
Dopo una breve sosta al lago, ripartiamo per fugare il secondo dubbio.
Tralasciamo il sentiero a sinistra del Tour del Giusalet indicato dal pannello in legno e dalla balise che indica Avanzà, per pedalare gli ultimi metri del vallone fino al Col Clapier.
I nuvoloni belli carichi e i tuoni ci consigliano di mettere in "frigo" i pensieri del passo Clopaca in favore della discesa della val Clarea.

... questo è un muro a secco fatto ad hoc!
Si parte, ragazzi ... che spettacolo!!! Tecnica, ma non eccessivamente, a volte esposta, ma mai pericolosa, e si mette il piede a terra rartamente solo quando l’erosione ha lasciato pochi centimetri di sentiero.
Insomma, assolutamente godibile.
Vale anche la pena fermarsi a leggere i pannelli illustrativi del probabile percorso di Annibale. L’ultimo tratto, da quota 1200 m, è una stradina ghiaiosa che comunque richiede attenzione.
Poi su asfalto si costeggia il lago artificiale e risalendo una rampa con galleria in omaggio ritroviamo l’auto lasciata al mattino e mentre qualcuno si occupa dei trasbordi il più fortunato vince il discesone completo fino a Susa (vedi traccia gps).
Sergix
... la militare interminabile!!!
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Bar Cenisio - strada per il Malamot - Lac Giaset - Lago de Savine - col Clapier - militare Val Clarea - Cresti

Presenze: Sergix, ZioDodo, Bobo

Quota di partenza: 1450 m (Bar Cenisio)

Quota Max: 2693 m (Col de Lac Giaset)

Disl.: 1400 m

Ciclabilità salita: 95%

Ciclabilità discesa: 95%

Difficoltà:  BC/BC
                M2-T2(T3)-E2

Sviluppo: 40 km (con trasbordo e discesa fino a Susa)

Nessun commento:

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...