lunedì 22 ottobre 2007

Spegi: a caccia di "tecnico"

Valle Roya

Di nuovo in Roya, una delle nostre valli preferite, a ripercorrere e scoprire sentieri ciclabili. La giornata è solare ma ha appena nevicato e fa ancora freddo così ci orientiamo su un giro in bassa valle.

Oggi sole e basta!
Lasciata l'auto a St. Dalmas de Tende (700 m) raggiungiamo Tenda (800 m) e prendiamo a sinistra, all'inizio del paese, la classica stradina asfaltata per la Baisse d'Ourne che risale con strette curve il fianco della montagna. Al tornante di q. 1230 (balise 244), subito prima di Spegi, tiriamo dritto per una sterrata che si infila nel bosco, passa un gruppo di case coloniche e poi sopra una casermetta abbandonata.
Il raccordino Chemin de Valaire - VTT1

Trascuriamo il bivio a sinistra (VTT 1), saliamo una rampetta e giunti a una radura tra i pini trascuriamo anche il Chemin de Valaire, la lunga traversata per Les Mesches che risale verso destra ma è meglio percorribile in senso inverso. Poco dopo, in vista di due case rimesse a nuovo (1344 m), bisogna fare molta attenzione a una traccia che scende non segnalata sulla sinistra e in breve si raccorda a un'antica mulattiera militare inerbita.
video

Presto le caratteristiche del sentiero si evidenziano e traversiamo decisi nel bosco misto. In poche centinaia di metri e ci raccordiamo sul sentiero VTT 1 che ora scende con spettacolari traversi e tornanti in un castagneto secolare. Un lungo traverso, tagliato nella roccia, giunge alla b. 347 (1007 m) dove una sosta panoramica sul vicino poggio è d'obbligo.
Il castagneto di St. Dalmas
Invece di proseguire sul sentiero che scende, torniamo poche decine di metri sui nostri passi e prendiamo un evidente sentiero che scende deciso nel bosco. Siamo di nuovo alla festa del tornantino, in mezzo ad alberi colossali perdiamo rapidamente quota e senza possibilità di errore (ma attenzione alla traccia che a volte scompare sotto le foglie) sbuchiamo tra le case di St. Dalmas de Tende, poco a monte della stazione.

Colori a sguazzo!
Sarebbe già un bel giro, ma si continua! Risaliamo in relax sullo stradone verso la Valle delle Meraviglie, ma al secondo tornante seguiamo la deviazione per Granile (1084 m), che raggiungiamo in 5 tranquilli chilometri. E poi....?
Indovinato! Bergue Supérieure, sentiero botanico, Scarassui come con Rino tre settimane fa, bisognava portare gli amici...
video
Alla fine dei tornantini siamo belli e cotti, non ci resta che tornare tranquilli a St. Dalmas per asfalto.


Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Anello doppio St. Dalmas de Tende - Tenda - Spegi - St. Dalmas - Granile - Bergue Sup. - Viaduc de Scarassui - St. Dalmas

Presenze: Bobo - Roberto - Panna

Quota di partenza: 700 m (St. Dalmas)

Quota Max: 1344 m

Disl: 1300 m

Ciclabilità salita: 100%

Ciclabilità discesa :99%

Difficoltà: MC/OC+ (salita/discesa)

Sviluppo: Km 30
woof
  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati

  28 Settembre 2007 - Balconata di Granile

30 Maggio 2010 - Col de Tate & Pas de la Tranchée

16 Ottobre 2012 - Pas de la Tranchée (par Mouga e Paganin)

1 commento:

Anonimo ha detto...

Bel giretto, bel paesino Granile.
I sentieri per nulla banali, divertenti, tecnici.
Un po' chiusi il 3 di Luglio quando ho fatto il giro io.
Grazie

Ale Modolo

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...