domenica 25 aprile 2010

Traversata passo di Muratone - Bendola

Val Roya

Valle Roya ... non finisce qui ... un altro luogo affascinante, il mitico "Canyon" della Bendola, nella natura più incontaminata, e già nuove idee per la prossima!

... colletto Fasceo, un pò di sano "portage"...

Da un po' di tempo volevamo provare questa discesa, a cui probabilmente è più facile accedere da nord, via bassa di Sanson e monte Toraggio, ma lassù la neve blocca ancora il passaggio e così siamo di nuovo alla partenza di Airole (135 m). Il grosso della salita è in comune con l'itinerario di Testa d'Alpe (clicca), e notiamo con piacere che il duro sentiero dal colletto Fasceo alla strada dell'Abellio è stato ancora pulito e ben mantenuto. Al bivio per Testa d'Alpe proseguiamo sulla sterrata che si mantiene sul lato italiano e contorna tutto il vallone, con percorso facile ma fondo spesso rovinato e molto sassoso. Man mano che si procede l'ambiente diventa sempre più verde e al termine dello sterrato siamo nel cuore della Foresta di Gouta, la più bella abetaia della Liguria, che attraversiamo con una breve salita in asfalto fino alla sella omonima (1213 m). E' stata lunga e i ravioli del ristorante non lasciano scampo... Proseguiamo dunque alle spalle del ristorante in direzione del passo di Muratone che ragiungiamo con un veloce sterratone (al colle di Scarassan, 1225 m, tenere la destra in lieve discesa). Il passo di Muratone (1157 m, balise 170) segna il confine e se ne dipartono numerose strade: la nostra è quella in lieve discesa (indicazioni: la Madonina) che punta in territorio francese e perde un po' di quota con uno stradone poco remunerativo. Dopo una serie di tornanti invasi dal pietrame aggiriamo un valloncello e con una breve salita siamo all'edicoletta della Madonina (1015 m, b. 169) dove comincia il bello!
Questa discesa da anni nei "progetti" doveva essere fatta! ... missione compiuta!
Per scendere in valle Roya ci sono due possibilità, e purtroppo ci tocca scegliere: oggi mettiamo il Mont Agu nei "prossimamente" e prendiamo il sentiero in netta discesa. Ci siamo così guadagnati una serie di tornantoni, ampi, facili, dal fondo ottimale, in un luminoso boschetto, che scendono nell'appartato Vallon de la Madonina fino a guadare il rio.
Dopo lo scambio di complimenti per l'entusiasmante discesa comincia il fantasmagorico traverso: alla b. 166 proseguiamo diritto e ci affacciamo sul vallone della Bendola ... signori ... la Bendola mica il rian dei Tecci!
... il valico ...
Con reverenza ammiriamo le pareti rocciose che ci circondano e scorgiamo là in fondo la spaventosa forra, mito dei canyoners di tutto il mondo. Superiamo un piccolo valico in galleria e scendiamo l'ampio sentiero, che oggi è bello asciutto e si percorre in tranquillità ma richiede attenzione verso la fine per un passaggio che dire "esposto" fa ridere.
Purtroppo finisce presto e al pont du Castou (429 m) usciamo sullo sterratone che in lieve salita conduce a Madone de Poggio.
Lo spettacolare sentiero nella forra del Bendola
Si potrebbe scendere alla statale ma preferiamo andarci a perdere nei vicoli di Saorge e farci spiegare come, scendendo una serie di scalinate larghe qualche centimetro meno dei manubri, si arrivi alla b. 19 che segna l'ultima divertente discesa: la vecchia strada di valle che passa da una panoramica croce e va ad attraversare la strada asfaltata del Poggio. Ancora un ripido tratto scalinato e siamo sulla Route Nationale... ahinoi, niente scampo, ci toccano km e km di nastro bitumato per rientrare alla base, ma ne è valsa la pena!

Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su
Dati del giro:

Anello Airole - Fasceo - colletto dei Saviglioni - rifugio Paù - Foresta di Gouta - colle di Scarassan - passo di Muratone - la Madonina - vallone della Bendola - Saorge - Airole

Presenze: Bobo, Roberto, Sergix, Monica, Gualty, Susanna

Quota di partenza: 135 m (Airole)

Quota Max: 1225 m (passo Scarassan)


Disl.: 1540 m

Ciclabilità salita: 95%

Ciclabilità discesa: 100%

Difficoltà: BC/BC

Sviluppo: 55 km
woof
  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati

5 commenti:

alex ha detto...

Oila' ragazzuoli,
vedo che avete ripreso alla grande!
Complimenti vivissimi, mi sa che quest'anno per qualche uscita potro' solo fare la scopa e compattare il gruppo.
:^| visto il mio precario stato di forma...
Ma contatemi per le prossime uscite ;^)

Aloha.

Anonimo ha detto...

Il vallone della Bendola......semplicemente e sorprendentemente magico!!!!!

Discesa effettuata in data 14 agosto durante i 3 gg raminghi nella terra brigasca.
I tornanti (ma quanti sono...vorrei tornare per contarli) fanno girare la testa da quanto sono perfetti mentre il traverso sul canyon regala scorci favolosi (meglio comunque fermarsi per guardare sotto). Peccato solo per il palloso tratto iniziale sino alla cappelletta votiva.

Andate tutti a provare la discesa della Bendola!!!!!
Chicca

solitone ha detto...

Bellissima discesa. Oggi solo un po' di alberi di traverso, rami e qualche sasso. Ma comunque perfetto.

Palloso il tratto iniziale della discesa su sterrata.

E ancor più palloso il finale su asfalto, in cui bisognerà perdere 300 m. Non fate come me, portatevi un lumicino posteriore, che ci sono 3 gallerie.

In ogni caso ne è valsa la pena!

solitone ha detto...

Rifatto oggi! Me lo sono goduto ancora di più. Quanti bei tornanti!

solitone ha detto...

Purtroppo qualcuno deve essersi molto infastidito a causa delle bici che scendono per il bellissimo sentiero della Bendola.

Ieri ho trovato un numero impressionante di tronchi, rami e muretti di pietra in mezzo al sentiero, subito prima e subito dopo quasi ogni tornante.

Peccato che ci sia qualcuno indisposto al punto da prendersi la briga di mettere in mezzo tutti quei tronchi! I tornantini della Bendola sono mitici, non vorrei che in futuro diventasse imposibile scendere da lì.

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...