sabato 10 luglio 2010

Tete de Viraysse (2772 m)

Valle Ubayette

Tete de Viraysse, ovvero una delle superclassiche che mancavano sul sito ... imperdonabile! ... e non delude mai!

Il vallone di salita con la bella militare e le sue fortificazioni
Di buon'ora cerchiamo di sfuggire all'afa massacrante con una salutare pedalata in quota, per una meta che i due protagonisti "colpevolmente" dovevano ancora mettere nel carnet.
Passato il colle della Maddalena e l'abitato di Larche, lasciamo l'auto a Meyronnes (1526 m) e dalle ultime case del paese saliamo in un prato, giusto due metri di portage (segnavia gialli e rossi del GR) per raggiungere la bella sterrata che porta a St. Ours (1775 m) con percorso piacevole e un po' meno assolato del solito asfaltone.
Una superclassica di soddisfazione anche in salita
Attraversate le poche case di St. Ours proseguiamo in direzione E sulla sterrata che contorna qualche valloncello fino ai caratteristici calanchi del Riou de Pinet; subito dopo, a sinistra le indicazioni "col de Mallemort" puntano verso una ripida mulattiera inerbita (1925 m).
Con calma si pedala su numerosi tornanti, il fondo è abbastanza impegnativo e si parla poco ma dopo mezz'oretta di sofferenza, il cui tratto è comune al giro del Col du Vallonet, i tornanti finiscono e il paesaggio si apre nel grandioso vallone tra i Rochers de St. Ours e la Meyna. A quota 2215 in prossimità del torrente prendiamo a destra il bivio, indicato solo con un grosso ometto di pietra, guadiamo e prendiamo a salire per la strada militare, larga e dal piacevole fondo inerbito, su pendenze decisamente più tranquille.
Costeggiando le severe pareti della Meyna ci troviamo di fronte l'appartato vallone che si chiude sulla nostra meta, a mo' di fortezza Bastiani lassù sull'imprendibile cucuzzolo, dove sembra impossibile arrivare restando in sella!
Prima dei Barraquements
In breve raggiungiamo i grandiosi ruderi dei Barraquements de Viraysse (2504 m) e continuiamo la salita sul tracciato che presto si riduce a sentiero e raggiunge il ben segnalato col de Mallemort (2568 m).
Ci resta l'ultimo strappo, su sentiero non proprio esposto ma comunque da affrontare con un minimo di attenzione. La pendenza è accettabile e i tornantini quasi tutti superabili in pedalata, ma qualche franetta e qualche residua lingua di neve interrompono la progressione. Al col de Viraysse (2721 m) ci fermiamo un attimo per ammirare il panorama e in pochi minuti siamo all'ingresso della Batterie de Viraysse che occupa interamente la cima (2772 m).
La cancellata del forte è chiusa da un paio d'anni per lavori sul cui effettivo progresso abbiamo non pochi dubbi. Contornando le mura per tracce di sentiero è comunque possibile raggiungere la sommità a piedi, superando qualche matassa di filo spinato. Panorama come previsto, anche se un po' di foschia da calura oggi è arrivata anche a sporcare le più alte vette.
Sotto il colle Mallemort
A picco sotto di noi Larche e l'evidente sentierino che ci aspetta...
Con percorso entusiasmante ritorniamo al col de Mallemort, da dove si può rientrare per la via di salita "che è già una bella gita"... ma noi facciamo i difficili e svalichiamo verso sinistra, sull'evidente sentiero che punta verso Larche.
Discesa impegnativa e appagante su Larche
Il primo tratto di discesa è decisamente aereo, si inizia con una bella serie di tornantini che ci aiutano a riscaldarci, occhio però a non incorrere in pericolosi ribaltamenti!!! Da quota 2400 in giù attraversiamo qualche rio sassoso e ci godiamo un primo divertente pratone, poi una serie di curve ripide su fondo smosso e attraversiamo il sentiero per St. Ours. Sempre in discesa, percorriamo un altro pratone su divertente sentierino nell'erba alta e da quota 2000 affrontiamo l'ultimo tratto, praticamente ridotto a una pietraia (altro sentiero proveniente dal colle delle Munie), fino a un piazzale sterrato. Mille metri esatti di discesa indimenticabile su uno dei sentieri più sostenuti delle Alpi!
Rapidamente scendiamo a Larche e in pochi minuti di asfalto rientriamo alla base.

La meta vista da Larche 

Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Anello Meyronnes - St. Ours - vallon du Pinet - Barraquements de Viraysse - Col de Mallemort - Tete de Viraysse - Col de Mallemort - Larche - Meyronnes

Presenze: Roberto, Rino

Quota di partenza: 1526 m (Meyronnes)

Quota Max: 2772 m (Tete de Viraysse)


Disl.: 1270 m

Ciclabilità salita: 99%

Ciclabilità discesa: 99%

Difficoltà: BC+/OC
               M3-T4-E2



Sviluppo: 25 km
woof
  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati

22 Luglio 2007 - Anello col du Vallonet / col du Mirandol

23 Luglio 2007 - St. Ours col Gypiére di Oronaye e col Roburent

  8 Agosto 2011 - Col Sautron e giro della Meyna

22 Agosto 2014 - Tour della Blanche

2 commenti:

luca vacchetta ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Maki ha detto...

Fatta l'altro giorno, mi mancava ancora! Bella gita dal sapore antico, quando si pedalava tutto sia in su che in giù, con un dislivello che lascia la possibilità di guardarsi attorno e sdraiarsi un po' al sole...

Discesa un po' secca e scivolosa, probabilmente agosto non è il periodo migliore qui come altrove, ma non è stato un problema.

Da notare che dal Col de Mallemort si può raggiungere il Roir Alp, quel cucuzzolo con la casetta in cima che si vede per tutta la salita. Meno di 100 metri di dislivello extra, tutto pedalabile (con qualche attenzione), e si allarga ancora la visuale. Vale la pena.

Il forte è sempre chiuso...

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...