venerdì 22 agosto 2014

Tour della Blanche

Vallée de l'Ubayette

Insonnie estive ... vuoi il fenomeno della "luna gigante", vuoi la voglia inesauribile di cercare nuovi guai in giro per montagne, ecco strane visioni affacciarsi alla mente, miraggi di fatica traguardando la meta tra i raggi della ruota ...
Enri le Fou
... nella conca ai piedi del Monte Sautron ...
Si perché tra le ricche "portate" dei menù offerti dal cicloalpinismo hai tempo per pensare e dare libero sfogo all'immaginazione! Questa volta ci stiamo muovendo in una zona che conosciamo e proprio per questo sappiamo bene come complicarci la vita ... immaginiamo di avere una slot-machine al posto dei pedali mentre le ruote sono una roulette, tiriamo i dadi sulla cartina ed il vento farà il resto.
... lo Stroppia, "1°Portata" di giornata ...
Si parlava poco tempo fa di vallate inesauribili per giocare in bicicletta? Beh! una di queste è sicuramente quella dell'Ubayette: partiamo da Saint'Ours, la dolce salita del vallon du Pinet è straconosciuta ma l'idillio ubayano non finirà mai di saziare i nostri occhi, il rilassante antipasto in sella finisce nei pressi del Col du Vallonet, ai piedi del sentiero che porta al Colle di Stroppia (2865 m), prima "portata" del menù.
... aria di casa ...
Breve ma bella discesa, fino alla confluenza con le tacche rossoblù del sentiero (SRC) Roberto Cavallero che scende dal Bivacco Barenghi; siamo in un'immensa conca e le tracce evanescenti le perdiamo per un po', ma la visibilità è ottima e ci consente di navigare a vista regalandoci un pò di free-ride lunare, da una parte il paretone della Blanche, in fronte il sassoso Sautron ... arriviamo al colle della Portiola, seconda "portata" di giornata, cima Coppi del giro (2899 m), con un centinaio di metri sciabili!
... colle della Portiola, "2°Portata" ...
Appoggiamo le bici in terra e dopo averle zavorrate il giusto per non farle volare via, scivoliamo e rotoliamo sulla discesa pietrosa per nulla facile (T5), ma più ciclabile di quanto ci potessimo aspettare che in breve ci collega al sentiero, ben più scorrevole che arriva dalla vicina Portiolette (2692 m) nostra vecchia conoscenza (clicca).
... Rotolage giù dal Portiola ...
Di qui è di nuovo idillio tra pareti e praterie fino alla terza fatidica portata, in salita al colle Sautron.
Qui Eolo decisamente arrabbiato con noi, ci suggerisce la nuova direzione da prendere e ci rituffiamo in basso, verso Larche e la discesa è stupenda, fino al Vallon Rocheuse ed al noto sentiero che per balconate e praterie ci riporta con un lungo bellissimo "mangia-e-bevi" fino Saint'Ours.

Avvertenza: "il giro è consigliato solo ai buongustai amanti della bici d'azzardo"
... tante "portate" per un'indigestione di sentieri spettacolo!!!
Enri le Fou
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Traccia GPS
 Mappa

Dati del giro:

Anello St. Ours - vallon du Pinet - Col du Vallonet - Colle di Stroppia - Colle Portiola - Colle Sautron - vallon Rocheuse - St.Ours

Presenze: Enri le Fou, Bobo

Quota di partenza: 1775 m (St.Ours)

Quota Max: 2899 m (Colle della Portiola)

Disl.: 1800 m

Ciclabilità salita: 55 %

Ciclabilità discesa: 95%

Difficoltà: BC+/OC
               M3-T3(T5)-E2

Sviluppo: 27 km

  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati
 
10 Luglio 2010 - Tete de Viraysse (2772 m)
 
8 Agosto 2011 - Col Sautron e giro della Meyna

2 commenti:

Phil'Ô ha detto...

Dal Colle della Portiola,non valeva la pena di provare la vetta della Cima Sautron ?

Bobo ha detto...

Ciao Phil! Il Sautron era l'obbiettivo di giornata, speravo fosse ciclabile anche perché da una foto sul un libro avevo intravisto un serpentone che poteva apparire ciclabile ... in realtà invece è un'immensa pietraia con una traccina appena accennata ... a mio avviso non ha senso in bike! A presto cia ' Bo

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...