martedì 30 luglio 2013

Tour e vetta del Monte Viraysse (2838 m)


Valle Ubaye

Le grandi montagne sono finalmente sgombre dalla neve! Il progetto di oggi è quello di dare una “spintarella” al nostro orizzonte cicloalpinistico in quel triangolo magico compreso tra Stura, Maira ed Ubaye, dove qualcuno in una precedente visita in zona si ricordava di aver visto un serpentoso sentiero scendere dalle pendici del monte Viraysse ... notizie sulla effettiva ciclabilità della vetta tanto per cambiare non ne troviamo, quindi l'unica è andare a tastare la situazione con le nostre ruote!
... discesa dal col Remy con di fronte la nostra meta ... monte Viraysse!


Il monte Viraysse ( da non confondere con la quasi omonima e ben più nota, a noi biker, Tête de Viraysse), è un’altura che dalla Francia si presenta con un aspetto arrotondato, situata lungo la cresta percorsa dal sentiero Cavarero, tra colle del Sautron e monte Soubeyran, sullo spartiacque Ubayette/Maira, e porta anche il nome di Cime de la Coste du Col.
Partiamo dalla SS della Maddalena circa 600 metri dopo la frontiera, presso il parcheggio di località le Pontet (1948 m), ove si diparte sulla destra una evidente sterrata; saliamo senza difficoltà lungo la strada che, nel giro di mezz’ora, ci porta nei pressi di una malga situata a circa 2350 m.
... in questi scenari ti dimentichi del peso della bici sulle spalle ...
Qui, abbandoniamo la comoda sterrata e iniziamo a salire sulla destra, bici a spalle, puntando decisamente verso una vecchia conoscenza, il col Rèmy; superato il ripido pendio erboso iniziale la salita prosegue per balze erbose; con un ultimo breve strappo finale di portage-spintage raggiungiamo il colle (2552 m).
Iniziamo quindi a scendere il sentiero sul versante opposto ove, ad un tratto iniziale alquanto impegnativo per il fondo sdrucciolevole e la discreta pendenza, segue un tratto più agevole e divertente, percorso in sella da tutti; raggiunto il fondovalle, nei pressi di una malga svoltiamo a sinistra ora su sentiero perfettamente ciclabile, seguendo la traccia del torrente quasi secco; avvistato un gruppo di malghe sulla destra (cabane de Viraysse, circa 2250 m), attraversiamo il torrente ed iniziamo per prati la risalita verso il colle del Sautron, seguendo il sentiero del G.R. de Pays;  lungo balze prevalentemente erbose, alternando tratti di spintage/portage a (brevi) tratti ciclabili, giungiamo al traverso finale che ci scodella al colle del Sautron (2685 m).
... panoramica di vetta ...
... la rotonda vetta ... sembra fatta apposta per essere rotolata!
Seguiamo quindi sulla nostra destra l’evidente sentiero di cresta, ed in circa 20 minuti di spinta siamo alla nostra meta, il monte Viraysse a 2838 m.
Dopo la doverosa sosta in vetta, saliamo in sella per ripercorrere a ritroso la cresta sino al colle, tratto affrontato tutto in sella, seppure con la dovuta cautela a causa del fondo di pietrisco smosso e la moderata pendenza.
Dal colle, imbocchiamo a destra il sentiero che scende sul versante opposto a quello di salita (S16); la discesa, piuttosto ostica e tecnica nel tratto iniziale, diventa poi più scorrevole per quanto sempre impegnativa, fino ad incrociare a quota 2200 l’ampio sentiero Frassati (S17), a noi noto per essere la via di salita di precedenti escursioni (vedi giro dell’Oronaye, giro dell’Auto Vallonasso).
... discesa dal col Sautron ...
In circa un’ora, alternado lunghi tratti perfettamente ciclabili a brevi tratti di spinta, giungiamo ai piedi del passo della Cavalla, che raggiungiamo con un ultimo, breve strappo in portage (mt  2539); da qui, imboccato sulla destra un sentiero a mezzacosta in lieve salita, deviamo poi a sinistra verso il colle delle Munie (mt 2531), che raggiungiamo in breve per ampia cresta erbosa (possibilità di allungare il giro con il breve portage fino alla imperdibile, per chi non c'è mai stato, vetta del Soubeyran).
... Chiaruzza con dietro il "suo" Soubeyran ...
Ci aspetta ora una lunga discesa; subito sotto al colle, individuiamo il bellissimo sentiero ben ciclabile che ci conduce tra divertenti saliscendi sino al colle della Gipière d’Oronaye; scendiamo quindi per pochi metri sino ad un gruppo di malghe ove la folta vegetazione (ortiche, c…o!) sta prendendo il sopravvento, sino a giungere ad un bivio; qui proseguiamo verso destra (tralasciando il ben conosciuto sentiero che sale al colle di Roburent) seguendo il sentiero che, dopo un primo e breve tratto abbastanza tecnico, diventa presto ampio e scorrevole sino a ricondurci, sempre in sella, al punto di partenza.
ZioDodo

.. lac Reculaye e Sautron sullo sfondo ...
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Dati del giro:

Colle della Maddalena (le Pontet) - Col Rémy - Cabane de Viraysse - Col Sautron - Monte Viraysse - Col Sautron - incrocio S16/S17 - Passo della Cavalla - Colle delle Munie - de la Gypière d'Oronaye - Colle della Maddalena (le Pontet)

Presenze: Bobo, Zio Dodo, Cavalletta, Chiara, Emanuele

Quota di partenza: 1948 m (le Pontet)

Quota Max: 2838 m (Monte Viraysse)

Disl.: 1750 m

Ciclabilità salita: 60%

Ciclabilità discesa: 99%

Difficoltà: OC/OC
               M4-T4-E2


Sviluppo: 29 km

  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati

  19 Agosto 2006 - Traversata Maira/Ubaye

23 Luglio 2007 - St. Ours col Gypiére di Oronaye e col Roburent

8 Agosto 2008 - Anello dei laghi di Roburent

3 Settembre 2009 - Giro dell'Oronaye

19 Settembre 2010 - Giro dell'Auto Vallonasso

8 Ottobre 2010 - Giro del Monte Soubeyran 

8 Agosto 2011 - Col Sautron e giro della Meyna

22 Agosto 2014 - Tour della Blanche

1 commento:

Phil'Ô ha detto...

Bel giro, incluso nel nostro secondo giorno della Testa di Moïse fatto l'anno scorso http://www.vttour.fr/topos/tete-de-moise,2161.html

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...