giovedì 3 settembre 2009

Giro dell'Oronaye

Val Maira

Superbo anello di vera "vélo de montagne" senza un metro bitumato, questo celebre, grandioso giro di notevole impegno tecnico e fisico era uno dei super-classici ancora da mettere nel nostro carnet...



Esposizioni notevoli...ma si pedala...!!!
Si parte di buon'ora dal piccolo bacino artificiale di Saretto (1520 m) per imboccare subito la ripida salita al campeggio di Fonti Maira (piccola, impedalabile variante su sentiero... fate pure la sterrata che passa nel campeggio...) e la magnifica strada militare per il pianoro di Grange Pausa, che raggiungiamo con comodi tornanti (2050 m) e una vista spettacolare sulla Rocca Provenzale e i monti dell'alta valle. Proseguiamo dritti per la traccia di sentiero nei prati (la continuazione della strada, incompiuta, è in condizioni decisamente precarie) e pieghiamo a sinistra, alternando rudi salitelle a tratti a spinta, fino a un magnifico traverso un po' franoso ma quasi tutto pedalabile che sbuca su un panoramicissimo falso colletto (punta Bessie).
In prossimità di punta Bessie
Quasi sempre in sella proseguiamo in un ambiente alpino sempre più entusiasmante fino alla conca sotto il passo della Fea, superiamo una casermetta, un breve salto roccioso e arriviamo con molta meno fatica del previsto all'ampia sella del Passo della Cavalla (2539 m), segnata da altri ruderi e molto filo spinato (attenzione!).
Il sentiero prosegue verso destra attraversando in salita una pietraia e, dopo una barriera di filo spinato, pieghiamo a sinistra per prati fino a raggiungere su una traccia poco marcata di andamento pianeggiante la vasta spianata del Colle delle Munie (2531 m), con nuvole minacciose e un vento che impedisce di stare in sella. Volendo, superato il passo della Cavalla, è possibile e assai consigliabile raggiungere con un breve "portage" la variante che porta alla vetta del monte Soubeyran (clicca per la recensione) sicuramente una delle creste ciclabili più belle e panoramiche  della zona!!!
Il col Gypiére d'Oronaye
Spettacolari traversi
Scendiamo di pochi metri sul versante francese e troviamo un bel sentiero (non segnato sulle carte) che mantenendosi in quota verso sinistra attraversa tutta la prateria fino a raggiungere, superato un piccolo valloncello pietroso, il Col Gypiére d'Oronaye. Siamo a casa!D'un fiato scendiamo al bivio per Larche (2350 m) e risaliamo, costeggiando alti il Lac d'Orrenaye, al Colle di Roburent (2496 m) in vista del meraviglioso lago superiore. Citando i classici, "questa cavalcata in quota ripaga di tutte le fatiche"... con ogni probabilità dalla Cavalla a qui sono i più bei 7 km ciclabili del pianeta!
Lago sup. di Roburent
Scendiamo verso il lago e andiamo ad attraversare appena possibile l'immissario per trovare subito la traccia in salita (indicata con poca precisione sulle carte) che, ancora pedalabile, sale attraversando la pietraia. Qualche duro tornantino a bici in spalla e raggiungiamo una spettacolare conca, invasa dai resti delle installazioni militari, da cui il sentiero consente di arrivare in sella al colle della Scaletta (2613 m), punto culminante del giro e favoloso balcone panoramico su Rocca la Meia, inconfondibile là davanti.
Discesa!
Sullo sfondo Rocca La Meia


Dopo un memorabile tratto in quota, poco pendente e su fondo strepitoso, superiamo la scarpata del Passo dell'Escalon e ci tuffiamo verso il vallone di Unerzio su un sentiero ampio ma dal fondo estremamente impegnativo, che mette a dura prova la tecnica di guida e la tenuta dei freni.Con frequenti soste per ammirare i panorami piombiamo così sul ponticello di fondovalle (grange Calandra, 1940 m) e prendiamo la sterrata che scende verso Acceglio.Finita...? Noooo, noi non ci facciamo mancare niente!Dopo circa 1km, su un tornante stacca un'altra sterrata (1820 m ca.) che con andamento regolare (ma la fatica della giornata si fa sentire...), nuovamente sotto il sole, porta alla spianata del Colle Ciarbonet (2200 m) che mette veramente fine alle salite!La discesa su Fonti Maira, oltretutto intervallata da un paio di salitelle spaccagambe, è un campionario completo delle difficoltà su sentiero: single track nel bosco, ripidoni sconnessi, radici a gogo, tornantini al limite, sempre però in un ambiente idilliaco arricchito da piante di lamponi e mirtilli.Alla fine vediamo una roulotte là in fondo, il verde laghetto delle fonti, siamo salvi! L'ultimo pezzo di sterrata ci riporta a Saretto e alla chiusura di un giro da scrivere negli annali.
woof


L'inizio del single track in pineta

Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:


Dati del giro:

Anello Saretto - Grange Pausa - Passo della Cavalla - Colle delle Munie - Colle Roburent - Passo della Scaletta - Vallone di Unerzio - colle Ciarbonet - Saretto

Presenze: Bobo, Roberto, Maurino, Rino, Sergix, Ziododo, Giovanni.

Quota di partenza: 1520 m (Saretto)

Quota Max: 2614 m (Passo della Scaletta)

Disl.: 1800 m

Ciclabilità salita: 88%

Ciclabilità discesa: 99%


Difficoltà: OC/OC
                 M4-T3-E2


Sviluppo: 35 km

  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati 

  19 Agosto 2006 - Traversata Maira/Ubaye

23 Luglio 2007 - St. Ours col Gypiére di Oronaye e col Roburent


8 Agosto 2008 - Anello dei laghi di Roburent


19 Settembre 2010 - Giro dell'Auto Vallonasso


8 Ottobre 2010 - Giro del Monte Soubeyran 


8 Agosto 2011 - Col Sautron e giro della Meyna

  30 Luglio 2013 - Tour e vetta del Monte Viraysse (2838 m)

7 commenti:

Anonimo ha detto...

bellissimo giro, fatto oggi, il mio preferito per ora, peccato che con una front da Xc il ciclabile in discesa si dimezzi :-(

Anonimo ha detto...

abbiamo fatto il nostro giro domenica per festeggiare i 51's di Leo, supergiovane sempre in forma!!!
il giro è stato ovviamente personalizzato-overlandizzato con partenza e rientro da Larche, innestandoci al colle roburent e chiudendo con la discesa dal colle delle munie per il vallon rocheuse.
splendidi colori d'autunno e temperature stimolanti per un giro MAJEUR!!!

riguardo la bella discesa colle ciarbonet-sorgenti maira, il primo tratto è sempre un pò rovinato, non abbiamo trovato fango perchè era tutto ghiacciato!!! buhauhahauhauahua

enri le fou

Massimiliano "Gas" ha detto...

Giro ripetuto sabato in compagnia di Sergix, Michele, Mauro e Akko69. Partenza dal campeggio sopra Saretto e piccola variante su sentiero SRC poco sopra Prato Ciarliero. Meteo minaccioso ma ci ha "lasciato fare". Sempre un anello stupendo con scorci indimenticabili... la discesa dal colle Ciarbonet ha il suo perchè quando ci arrivi già stanchino :-)

Link alla traccia con le due piccole varianti http://maxgastone.altervista.org/gps_piemonte/valmaira_oronaye_140712.zip

Anonimo ha detto...

ragazzi fatto giro come da indicazioni: fantastico e grazie!
solo un appunto sulla ciclabilità :
- 88% salita lo porterei per gli umani a 50%
- 99% discesa : lo porterei almeno a 80%...mi dite chi è riuscito a fare in sella i tornanti del Passo del Escalon?
claudio di Arenzano 54 anni

Anonimo ha detto...

ciao ragazzi io devo passare un week end in val maira in mtb.. e questo è uno degli itinerari che ho scelto.. sono tutti ben segnati oppune serve un gps per non perdersi? ci sono infopoint dove recuperare cartine dei sentieri?? ultima cosa come trovero il clima?? (22 settembre) grazie

Bobo ha detto...

... senza il Gps abbiamo girato x monti fino a qualche anno fà senza mai perderci, quindi direi che con una buona cartina e le nozioni di base necessarie per saperla leggere, non dovresti avere problemi ... i sentieri non presentano particolari segnalazioni se non le classiche tacche bianco/rosse dei tratti di GTA, ma nei punti nevralgici trovi sembre le balise indicative. Come cartina ti consiglio la 1/20.000 di Bruno Rosano "Chaminar en Val Maira" molto ben fatta! Ciao

fulvio toja ha detto...

ciao mi piacerebbe fare il giro ..ma nn riesco a scaricare la traccia ..mi potete dire come fare.?grazie

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...