lunedì 11 luglio 2011

Giro del Malinvern

Valli Tinée - Stura - Gesso

Il neonato gruppo Cicloalpinismo-VTTour si scatena nel giorno del Grande Portage!
Se volete rifare il giro guardate bene la percentuale di ciclabilità in salita ... per il resto, discese straordinarie, una vera compilation di quanto di più tecnico e adrenalinico si può chiedere a un sentiero, costantemente immersi in un ambiente di alta montagna, unico e impagabile ...


... Grande "Portage" ... Grandi discese ...
Dopo il pernottamento "rustique" sotto il colle della Lombarda scendiamo coi mezzi fino alle prime case di Isola 2000, dove stacca il bivio per la cisterna dei "cannoni" nivali.
Risaliamo il colle della Lombarda (2.350 m) tra le ignare marmotte al colle, godendoci l'unico tratto seriamente ciclabile della giornata, e svalichiamo circa 1 km in suolo Italico fino alla semidistrutta palina che indica a destra: passo d'Orgials. Il posto lo conosciamo molto bene (vedi Anello dell'Orgials) ma vale sempre la pena tornarci e portare nuovi amici.
... alta scuola Française du Portage ...
Ciclabilità in salita, zero assoluto, scuole a confronto: i savonesi spingono alla maniera classica fino a quando è possibile (spintage/poussage), i francesi tutto il giorno con la bici sulle spalle (il "nostro" portage estremo), alla fine chi sarà il più demolito...?
Al colle (2600 m) ammiriamo il panorama e pregustaimo una della più belle discese di questo angolo di Alpi.
A parte il primo tornantino, su roccia viva, che questa volta è più malconcio del solito e nessuno riesce a passare a zero penalità, la discesa è sempre entusiasmante, soprattutto nel costeggio dei laghi della Valletta ancora abbelliti da piccoli icebergs tardivi.
Bobo's style ... ai laghi della Valletta ...
Il solito breve ravanamento finale tra pietroni e acquitrini, e anche se un po' in anticipo ci godiamo un panino al rifugio Malinvern-Ceva (1836 m).
Proprio dal rifugio seguiamo la traccia che scende all'incerta passerella sul fiume, e qui il gioco si fà duro!
... via, coraggio e spirito di rassegnazione, da qui al Valscura si spinge e basta!!! Particolarmente pesanti i primi tornatini, al sole senz'aria, poi entrando nel bosco si respira un po' e in un'ora ci affacciamo sullo splendido lago Malinvern (2112 m) con una simpatica discesina ciclabilissima (...ma si perde quota!!!) e una pausa-piedi a mollo ...
Lago Malinvern
Seconda parte... costeggiamo il lago, pedalando qualche centinaio di metri, e riprendiamo a salire su terreno aperto, tra splendide fioriture di rododendri, puntando l'arcigno colletto di Valscura (2520 m) che visto da qui ricorda non poco il mitico Col Lauson. Altra oretta abbondante ... si attraversa un paio di nevai, qualcuno che non ne ha "a basta" (... Pedro ...) li scende pure con la bici e ci affacciamo al colletto. La vista impagabile sulle Marittime centrali, i laghi di Valscura e le "nostre" mitiche strade-serpentone ci fa dimenticare la fatica!
Discesa dal colletto di Valscura
Scendiamo alle imponenti opere militari sul lago con i lunghissimi tornanti di quella che doveva essere una strada militare lastricata, ma che è rimata quasi tutta a livello di sentiero, comunque facile e divertente, costeggiamo il profondo lago Inferiore (2256 m) e affrontiamo con devozione l'ultima salita di questa indimenticabile giornata.
Ancora "poussage", ma a un certo punto ritroviamo il lastricato e passiamo, pedalando, davanti alle imponenti caserme; al posto dei soldati oggi, a far la guardia, branchi di pacifici stambecchi che ci osservano perplessi senza quasi scansarsi dal sentiero...
Ultimo strappo con brevi tratti pedalabili e siamo alla Bassa del Druos (2628 m) che ci permette di riaffacciaci sulla conca di Isola. La vista è spettacolare, laghi da tutte le parti, montagne imponenti e poi il pensiero che le salite sono finite aiuta ... ora è tutta discesa ... o quasi ...
Valle Gesso dalla Bassa del Druos
Con un ampio tornante andiamo a costeggiare dall'alto i Lacs de Terre Rouge, superiamo ancora diverse chiazze di neve e scendiamo senza troppe difficoltà la mulattiera militare ancora ben conservata, poi, passato l'ultimo laghetto, arriviamo con tornanti abbastanza tecnici alla palina che indica, di là, Col Merciére e risalita in pietraia, di là, dritti a Isola 2000. Optiamo per la seconda e perdiamo quota su un cumulo di massi che i segni di vernice millantano come sentiero. In vista di un prato sulla sinistra, ormai in vista degli impianti, lasciamo il "sentiero" e raggiungiamo una stradetta di servizio: ancora pochi metri in salita, scendiamo "free" la pista da sci e troviamo uno sterratone. A destra, pochi metri e troviamo l'asfalto che in un attimo ci riporta ai mezzi in fedele attesa.
Bo & woof
... in definitiva ... un giro "grande" ... in tutto!!!
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
Per vedere le foto e il link degli amici francesi clicca su:
Dati del giro:

Anello Isola 2000 - Colle della Lombarda - passo d'Orgials - Rifugio Città di Ceva - Lago Malinvern - Colletto di Valscura - Laghi di Valscura - Bassa del Druos - Lacs de Terre Rouge - Isola 2000

Presenze: Roberto, Bobo, Phil'O, Geux, Shama, Pedro

Quota di partenza: 2050 m (Isola 2000)

Quota Max: 2628 m (Bassa del Duos)

Disl.: 1900 m

Ciclabilità salita: 22%

Ciclabilità discesa: 98%

Difficoltà:  n.c./OC+
                  M5-T4-E2


Sviluppo: 27 km

3 commenti:

Anonimo ha detto...

bel giro...lo voglio fare anche io, ma neanche vi avessi mandati in avanscoperta, complimenti per il portage senza macchia e senza paura...
bellissima la valutazione
n.c./OC ciclabilità in salita non classificabile uah uah uah!!!

si bel giro ma nella foto di gruppo siete inguardabili!!!

ciao, enri

Phil'Ô ha detto...

Di nuovo un magnifico giro con un gruppo ancora più magnifico. Per sicuro è molto impegnativo, ma le nostre montagne sono cosi : devono essere guadagnato con molto fatica... ma ci riservono dei panorama di follia, delle discese tecniche ma molto piacevole e un ambiente magico.

Ma che piacere di scoprire dei posti come quelli con degli amici !

Le mie numerose foto sono qui : https://picasaweb.google.com/Phil.O.album.bis/20110711VTTWEValSturaDefrichageAutourDuMalinvern

Ciao Phil'Ô

Trader M ha detto...

Ciao, sono appassionato di trekking e d'estate vado in vacanza a pratoungo di vinadio. Sono capitato sul vostro blog dopo aver incontrato alcuni cicloalpinisti al passo di tesina e ai laghi roburent. Wow, complimenti per il sito e per le gite che fate, veramente stupefacente.
Sareste così gentili da indicarmi dove posso trovare le informazioni che un principiante ha bisogno per fare escursioni da principiante in MTB? Per esempio le strade che partono dal colle di valcavera mi sembrano adatte ai principianti. Mi piacerebbe sapere quale bici devo comprarmi, quanto costa, che tipo di accessori mettete nello zaino. Saluti
Michelangelo

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...