domenica 10 maggio 2015

Baisse de Lugo / Peïremont / Cachin

Val Roya

Iniziare col piede giusto è importante soprattutto dopo la lunga pausa invernale: riprendiamo quindi le nostre esplorazioni nella valle che conosciamo meglio e che da sempre ci regala immense soddisfazioni ... sulla carta da depennare manca davvero poco ma ecco spuntare un serpentino dall'aria invitante che dovrebbe catapultaci dritti sulla stazione di Fontan ... andiamo a vedere ...
Bobo
... "Val Roya, tutto il resto è noia" ...

Dubbio amletico: sciare o pedalare ... questo è il problema! Certo, fosse un maggio come si deve la montagna avrebbe la meglio e gli assi ai piedi la farebbero sicuramente da padrone; ma quest'anno ho troppi truci "ravanage" in curriculum e una buona serie di gite "pacco" da smaltire, tanto che alla provvidenziale convocazione di un amico, con cui non giro da 2 anni, non ho alcuna esitazione ... si pedala! All'appuntamento presso la stazione di Fontan siamo in 4, i fedelissimi Mony & Gualty e il grande Phil'Ô guru di vttour. Le esplorazioni sappiamo che a volte riservano sorprese e, visto e considerato che ci ritroviamo con tre automobili, lo stato di forma di inizio stagione è quello che è, decidiamo di utilizzarle per un trasbordo su Briga evitandoci il faticoso e straconosciuto tratto del sentier valléen (... che comunque trovate descritto qui ...).
... Phil'Ô in action ...
Una breve parentesi iniziale attraverso i suggestivi caruggi di Briga e iniziamo la salita imboccando la strada per la Baisse de Géréon e Baisse de Lugo; prima tratta di asfalto e poi la forestale con pendenza giusta e fondo ottimo. Il consueto panorama, oggi, ci presenta le Marittime in veste incredibilmente poco ... bianca!
Lasciamo a destra la discesa su Fontan via Pevè (balise 207) per prendere la sucessiva del Col de Peïremont (balise 204). Da qui al bivio con la balise 203 troviamo una traccia assai curata e scorrevole, tutta tornanti, che è in comune col sentiero che scende nel Vallon di Fontaine Froide, percorso in epoche pionieristiche e che anch'esso scodella su Fontan. Alla 203 questa volta andiamo a sinistra, iniziando un lungo traverso in mezza costa nel bosco con tratti pedalati e fondo buono che alterna una serie di pietraie discretamente esposte in cui far uscire le doti di galleggiamento.
... si galleggia sul pietrame...
Se non fosse per la vegetazione un po' troppo rigogliosa e tre tronchi in mezzo al sentiero (... 2 li abbiamo tolti ...) sarebbe davvero uno spettacolo! Comunque si rimane in sella agevolmente fino al colle di Peïremont (balise 432). Qui volendo si potrebbe optare per la discesa su Fontan seguendo le sempre precise indicazioni francesi, ma la voglia di esplorare ha la meglio e dopo aver risalito la panoramica cimetta della Crête de Peïremont (1049 m) ci catapultiamo seguendo la traccia che segue il filo di cresta.
... voci autorevoli gradano T5 ... (foto Gualty) 
Questo è il tratto più tecnico della giornata tutto su roccia, spuntoni e curve da guidare (T5 pieno) ... qualcuno lo fa in sella qualcuno scende ... in conto va messo anche qualche breve strappo in salita. Chi entusiasta e chi un po' meno, ci ritroviamo alla balise 429 della Baisse de Cachin dove seguiamo le indicazioni Fontan che con un lungo veloce traverso portano alla balise 430.
... c'è crisi e si risparmia il consumo del copertone posteriore ... (foto Gualty)
Qui secondo la carta inizia il serpentone su cui riponiamo grosse aspettative ... eehhhh!!! ... Bingo!!! ... nei circa 400 metri di dislivello che ci separano dalla stazione di Fontan (balise 431) ingurgitiamo una incredibile serie di tornanti tra i più appetitosi e perfetti di tutta la valle ... una vera indigestione che dà un senso di sazietà a tutti i partecipanti!
Certo che i numeri di questo giro non sono eclatanti, ma è un altro giro spendido e inedito che questo angolo di alpi ci regala ... il fatto che anche questa volta non esista traccia scritta, sia francese, che italiana, di questa perla mi appare abbastanza incredibile ... non possiamo che ribadire la validità del nostro tormentone nei riguardi della vallèe ... "val Roya, tutto il resto è noia"
Bobo
... tornanti disegnati col compasso ...
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:
  Per vedere altre foto e la relazione francese di Phil'Ô clicca sul link:
Dati del giro:

Anello Fontan - Briga - Baisse de Géréon - Baisse de Lugo - Baisse de Peïremont - Crete de Peïremont - Baisse de Cachin - Fontan

Presenze: Bobo, Phil'Ô, Mony, Gualty

Quota di partenza: 425 m (Fontan)

Quota Max:  1472 m (Baisse de Lugo)

Disl.: 900 m (con trasbordo)

Ciclabilità salita: 100%

Ciclabilità discesa: 99,9%

Difficoltà: : MC/OC
                   M1-T3(T5)-E2

Sviluppo: 20 km




  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati
  •  10 Ottobre 2005 - Baisse d'Anan

    2 commenti:

    Phil'Ô ha detto...

    Ottima giornata con un sentiero di pazzi !
    La parte Baisse de Cachin > Stazione ferrovia è solo perfetta !

    Solo il suo accesso un puo impegnativo potrebbe rallentare i numeri delle ripetizione !

    Grazie a bobo per avere accettato l'invito con due grandi Moutain Bikers ! Un vero piacere anche se il calore ci ha tolto la voglia di farne di più

    Barolo71 ha detto...

    Fatto ieri..bello...il traverso se lo puliscono è stupendo...la discesa nel complesso secondo me ha alcuni passaggi max di T4

    I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
    Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...