lunedì 22 luglio 2013

Monte Bersaio (2384 m)

Valle Stura di Demonte

Ci abbiamo girato intorno tante volte, lo conosciamo da tutti i lati e in tutte le salse... ma l'aerea, imprendibile cima ci mancava, e non sapevamo cosa ci aspettava in discesa. Giro breve ma intensissimo, di gran classe, in un altro angolo incontaminato delle nostre valli!
woof
... salita bici in spalla, discesa di alto livello ...  cicloalpinismo d'OC!
Sfuggiti alle calure che ormai imperversano in fondo all'atmosfera, di buon'ora in una piacevole  e freschissima mattinata fendiamo la folla dei "bikers d'acciaio" (reduci da un poco glorioso portage in elicottero, mah...) e attacchiamo La Solita con una piccola variante iniziale che sfrutta il tratto mediano del sentiero delle 9 borgate, tra il vallone della Madonna e Serre. Qualche minuto di bici a spalla tanto per gradire, un bellissimo traverso nel bosco tra le borgate Naturier e Buisun e poi ci agganciamo alla strabattuta, inevitabile salita del Pilone, con vista permanente sulla nosra meta e i fantastici torrioni protesi sul paese di Sambuco.
... di fronte la nostra meta di oggi ...
Poco dopo il Pilone (quota 1940) prendiamo il panoramico sentiero del vallone Piconiera (vedi variante 1 del giro del Bersaio), appena ripulito e sistemato, che offre minuti di puro divertimento nella breve discesa iniziale e nel lungo, panoramico traverso. Dopo il tratto attrezzato tocchiamo il fondovalle che purtroppo in questa stagione è dominato dai bovini al pascolo... Seguendo i radi segnavia attraversiamo cumuli di fango e attraversiamo il corso d'acqua e rimontiamo sulla destra per raggiungere faticosamente lo sterrato che scende dalla Bandia.
... ancora neve sulla dx idrografica dello Stura ...
Seguiamo le indicazioni (balise) per il colle della Piconiera e dopo pochi minuti in sella, in discesa, arriviamo al Gias Piconiera (2010 m) dove un centinaio di mucche ci indica la strada per la vetta: una traccia nei prati rimonta a fatica al colle Piconiera (2260 m) anche se alcune carte indicano come colle il cucuzzolo subito sopra. Dal colle un bel sentiero di cresta, quasi tutto ciclabile, punta alla vetta (2384 m), un dorso calcareo spaccato in due da una fenditura su cui riusciamo a portare le bici con un ultimo strappetto.
Abbracci, foto dalla croce, vertigini sul versante Sud, è fatta!
... Bersaio! Vetta ciclabile!!!
Arriva qualche nube e si è fatto tardi... dopo i primi ripidissimi metri riprendiamo il sentiero di cresta e al colle Piconiera, cercando un po', troviamo una traccia che taglia in orizzontale, stretta ma perfettamente ciclabile, mantenendosi sotto il crestone appena percorso e a picco sopra i ripidi prati del Vallone della Madonna. Alla fine del traverso ci innestiamo un sentiero più marcato di cui evidentemente abbiamo perso l'inizio, e senza possibilità di errore ci buttiamo sulla discesa che ormai da anni avevamo nel cassetto!
... relax nei pratoni sommitali ...
Si perdono 500 metri di quota alternando serie di tornantini e tratti smossi, ripidoni e lindi traversi in mezzo all'eccezionale fioritura di questa estate tardiva. Questo single track in purezza, non molto gettonato a giudicare dalle scarse descrizioni che abbiamo trovato in giro, è uno dei più appaganti per il biker e, anche senza richiedere doti trialistiche o presentare pericoli, necessita freni buoni e concentrazione costante. La vista sul tormentato crestone della Cordiera del Nebius da sola vale la gita.
Piombiamo sul torrente, poco a valle del Gias Murè (1800 m ca.), e ci regaliamo come finalino la classica ipercollaudata discesa del vallone della Madonna, sempre ben mantenuta e anche oggi in condizioni perfette coi suoi tornantini ghiaiosi e il finale scorrevole nel bosco. In tutto 1200 metri di discesa continua, impegnativa ma mai estrema, uno spettacolo!
Chiudiamo su Sambuco, peccato oggi poco tempo per il ristoro, si scappa, le figurine in valle Stura le abbiamo quasi messe tuttte! ... speriamo di no!!!
woof
... giro breve ... ma discesa importante ... Bella, bella!!!
Per scaricare la traccia GPS (in formato GPX) e vedere la mappa del percorso clicca su:


Dati del giro:

Anello Sambuco - Sentiero delle Borgate - Moriglione S. Lorenzo - Il Pilone - Gias Piconiera - M. Bersaio - Colle Piconiera - Vallone della Madonna - Sambuco

Presenze: Roberto, Bobo, Emanuele

Quota di partenza: 1183 m (Sambuco)

Quota Max:  2384 m (M. Bersaio)

Disl.: 1450 m

Ciclabilità salita: 62%

Ciclabilità discesa: 99,9%

Difficoltà:  BC/OC
                M3-T4-E2

 

Sviluppo: 28 km
  • Aggiornamenti - Varianti - Sentieri associati

  18 Maggio 2007 - Colle Varirosa

  19 Agosto 2007 - Giro del Bersaio


7 Luglio 2008 - Colle del Vallonetto


20 Luglio 2009 - Colle di Servagno 

30 Luglio 2009 - Viol des Fiour -Neraissa- Varirosa


17 Agosto 2010 - Vallonetto e Barricate


  25 Giugno 2011 - Viol des Fiour -Vallone degli Spagnoli

1 commento:

enri le fou ha detto...

umh ma questa è una relazione del 2012 ;-)

il vostro Le Fou vi ha consigliato questo giro già l'anno scorso ;-)

tra l'altro in una delle due occasioni durante la scorsa estate lo abbiamo usato per un insolita sgroppatona durante la quale siamo risaliti da gias mure fin su all'altipiano per regalarci una digressione che ci ha riportato fino al passo di rocca branchia...bella sgroppata neh !!!

ciao belli!!!

I contenuti del sito sono di proprietà di cicloalpinismo.com e sono protetti dalla normativa vigente sui diritti d'autore. Ogni riproduzione parziale o totale dei testi, delle immagini e dei video è assolutamente vietata, salvo autorizzazione. E’ vietato, inoltre, l’uso dei file per fini commerciali e comunque per fini diversi dall’uso personale. Ogni abuso sarà perseguito ai sensi della normativa vigente.
Gli autori non garantiscono l'esattezza e l'esaustività dei testi (itinerari, tracciati, tracce GPS ecc...) e non si assumono alcuna responsabilità su eventuali incidenti, inconvenienti o qualsivoglia infortunio che possa derivare dall'uso o dall'interpretazione delle informazioni divulgate sul sito. Le percentuali riguardanti la ciclabilità dei percorsi sono puramente indicative e assai soggettive ...